EUROPECH: IN EUROPA IN FORTE CALO LA PRODUZIONE DI ALBICOCCHE

 L’annuale appuntamento di Europech a Perpignan in Francia, in cui si anticipano le previsioni di produzione delle drupacee in Europa, ha presentato i dati sulle albicocche, evidenziando un’annata di forte calo produttivo. Lo afferma il CSO, Centro servizi ortofrutticoli di Ferrara, che è l’ente delegato ad Europech per le previsioni di produzione italiane.

 

L’Italia, leader europeo di produzione di albicocche, nel 2011, con circa 189.000 tonnellate, presenta quest’anno un calo di offerta del 22% rispetto al 2010. Tale riduzione è più rilevante nelle aree produttive del sud ( -28%), a causa di danni da gelo, rispetto all’Emilia Romagna, dove si prevede un – 15%.

Il calo produttivo più significativo in Europa è comunque da ascrivere alla Grecia dove quest’anno si attende una produzione quasi dimezzata rispetto al 2010, con – 43% sul 2010, per problemi dovuti all’andamento climatico.

Anche la Spagna rileva un forte calo produttivo, -21% rispetto allo scorso anno equivalente ad un totale previsto di circa 51.000 tonnellate, diminuzione in parte dovuta anche al calo delle superfici in atto da diversi anni.

La Francia, che attualmente si conferma secondo produttore d’Europa, presenta un calo meno drastico delle produzioni, con circa 134.000 tonnellate, pari ad appena un – 3% sul 2010.