BRUNI: «DALLA UE UN CHIARO SEGNALE PER UNA PAC SOLIDA»

Commentando il voto della relazione Dess sul futuro della Pac svoltosi in commissione agricoltura, il presidente della Cogeca Paolo Bruni si è rallegrato per la forte posizione assunta dai deputati europei in favore di adeguate risorse finanziarie che consentano alla politica agricola di far fronte alle nuove sfide su sicurezza alimentare e cambiamento climatico e di contribuire al successo della strategia 2020.

 

“Si tratta di un segnale politico importante – ha dichiarato Bruni – che auspichiamo sarà tenuto in debita considerazione dalla Commissione Europea, chiamata ad approvare nelle prossime settimane le proposte per le prospettive finanziarie dell’UE dopo il 2013 “ “Esprimiamo inoltre grande soddisfazione – ha aggiunto Bruni – per l’ennesimo esplicito riferimento al ruolo che le organizzazioni di produttori dovrebbero giocare nelle azioni di riequilibrio della filiera alimentare, oltre che per il riconoscimento della specificità delle imprese cooperative nella determinazione delle soglie dimensionali per l’accesso alle risorse dello sviluppo rurale” Bruni ha infine giudicato molto positivamente la proposta del Parlamento di rafforzare le misure di prevenzione e gestione delle crisi nei settori dell’ortofrutta e del vino “comparti che dovranno conservare la loro specificità – ha concluso Bruni – anche dopo il 2013” .