CARTAGENA (SPAGNA): IL CALDO METTE KO LE PRODUZIONI DI LATTUGA ICEBERG

In Spagna le alte temperature registrate in marzo hanno danneggiato oltre 140 ettari di coltivazioni di lattuga a Cartagena, dove gli agricoltori hanno gettato oltre 10 milioni di ceppi di lattuga iceberg. Le perdite sarebbero attorno a 1,5 milioni di euro. Colpiti dal fenomeno circa il 60-70% degli agricoltori della zona. La decisione è stata presa a causa del caldo e della drastica riduzione dei prezzi.

 

  

“Era più costoso raccogliere che gettare il prodotto”, ha spiegato Vicente Carrión, presidente del Coag (Coordinamento delle politiche agricole di Cartagena). Il problema è iniziato ai primi di marzo, quando nella regione della Murcia si sono registrate temperature di 30 gradi. "Il calore ha danneggiato la qualità del prodotto”, ha affermato Carrión.

 

Tutto era pronto per essere raccolto in una volta sola. "Avendo una produzione così alta, i prezzi hanno iniziato a scendere rapidamente. Per un prodotto che sarebbe potuto costare 10-12 centesimi di euro, i consumatori ha cominciato a pagare 3 centesimi di euro, così molti produttori hanno deciso di non raccogliere e hanno iniziato a lavorare la terra ".

 

Carrión ha aggiunto che "se i produttori decidono di buttare via il loro raccolto è perché molte volte grandi catene di supermercati non lo vogliono". A Campo de Cartagena vi sono circa 6.000 ettari destinati alla coltivazione di lattuga, che variano a seconda del periodo dell’anno. In totale, la produzione supera i 450 milioni di pezzi.