MERCATI, MAAS DI CATANIA PENSA IN GRANDE. GUALA: AREA STRATEGICA

"Riorganizzare il sistema distributivo dell’ortofrutta guardando alle potenzialità del mercato italiano, e puntando a competere con la concorrenza straniera sfruttando le potenzialità che offrono i centri agroalimentari nel panorama economico". Il presidente nazionale Fedagro, Ottavio Guala, dopo anni ritorna a Catania per constatare lo stato del Maas a poco meno di un mese dall’avvio dell’attività. 

 

Venerdì 27 maggio, accompagnato dal vice presidente del Somaac Giuseppe Guagliardi, consigliere nazionale dell’associazione “Mercati associati” che rappresenta gli enti gestori dei c.a.a. (centri agro alimentari), ha incontrato in mattinata il sindaco Raffaele Stancanelli per poi recarsi alla facoltà di Economia di Catania per tenere una lezione sulla “Governance dei C.a.a e il loro ruolo nel mercato” insieme al professore Placido Rapisarda, docente di Economia e politica agraria e il rappresentante dei grossisti di Brescia Gregorelli. 

"Il ruolo dei mercati già a partire dagli anni ’90 con lo sviluppo dei grandi centri di distribuzione è cambiato notevolmente – sottolinea Guala – non è certo stato un periodo facile ma le strutture che si sono realizzate grazie ai contributi elargiti con la Legge 41 del 1986 daranno risposte concrete al settore partendo dai problemi italiani legati alla logistica che tutti i grossisti incontrano per il trasporto della merce fresca. Il nostro è un paese con gravi difficoltà negli spostamenti e la maggior parte dei trasporti ancora oggi si realizzano su gomma. Avere nel paese delle piattaforme che possano rispondere a esigenze ben precise è già un punto di forza se consideriamo che il 70% del prodotto fresco, parlando nello specifico di ortofrutta passa attraverso le strutture agroalimentari e rifornisce tutti dalla grande distribuzione ai mercati rionali per poi finire sui nostri piatti. Il Maas è l’ultimo dei mercati ad aprire con i finanziamenti della Legge 41, il più grande del sud Italia e gioca un ruolo importante nel paese sia perché si trova in una zona di produzione fantastica come lo è la Sicilia sia per la sua posizione nel bacino del Mediterraneo". 

 

Nella foto da sinistra: Oliviero Gregorelli, consigliere nazionale Fedagro e presidente dei grossisti di Brescia; il sindaco di Catania sen. Raffaele Stancanelli; il presidente Fedagro Ottavio Guala; il vicepresidente dei grossisti di Catania Giuseppe Guagliardi.