BATTERIO, CIOLOS: ALTRI 15 MILIONI DI EURO DA UE PER PROMUOVERE L’ORTOFRUTTA

Il commissario europeo all’agricoltura Dacian Ciolos è pronto ad aiutare i produttori europei di ortofrutticoli a riconquistare la fiducia dei consumatori, offuscata dall’epidemia E.coli. Ai 27 ministri dell’agricoltura, a Lussemburgo, Ciolos ha infatti annunciato che metterà a disposizione “ulteriori 15 milioni di euro del bilancio Ue – 5 milioni l’anno per i prossimi tre anni".

 

Questo "per lanciare in tempi brevi nuove campagne di promozione a favore del settore ortofrutticolo. Di fatto, i finanziamenti per la promozione nel settore agricolo passerebbero così da 10 a 15 milioni l’anno per i prossimi tre anni.

 

L’annuncio va nella direzione della richiesta italiana di avviare delle campagne straordinarie, rapide,per la promozione dell’ortofrutta. Ai partner Ciolos ha spiegato che “le azioni d’informazione supplementare, rispetto a quelle avviate dalle Organizzazioni di produttori, potrebbero già essere lanciate in autunno, a partire dal 15 novembre 2011, sulla base di progetti inviati dagli Stati membri prima del prossimo 15 settembre”.

 

Il commissario ne è convinto: “Questo calendario – ha detto – permetterà di ridurre della metà la procedura normale di adozione di questo tipo di programmi cofinanziati”. Sul fronte dell’andamento dei mercati, il commissario europeo ammette “che non si può ancora parlare di ripresa normale dei consumi, ma la situazione dei prezzi migliora e la fiducia dei consumatori tende a ritornare”.

 

Quanto all’ammonare dei ritiri dal mercato dei prodotti ortofrutticoli o il loro abbandono sui campi, “é purtroppo impossibile – ha spiegato Ciolos – fare oggi un bilancio intermediario”. Ha quindi chiesto ai suoi uffici di prendere contatti con gli Stati membri per realizzare delle missioni di assistenza sull’attuazione delle misure di aiuto e dei necessari controlli”.

 

L’obiettivo di Bruxelles: “Disporre di dati sicuri e rigorosi prima del prossimo 18 luglio, affinché il Comitato di gestione dell’Ue del 22 luglio (dove saranno riuniti i rappresentanti dei 27 e della Commissione europea ndr) possa attuare un bilancio dell’evoluzione dei mercati e delle domande di indennizzi presentate, in modo che tutto sia pronto affinché i finanziamenti arrivino ai loro destinatari a fine luglio”.