CRISI DELLA FRUTTA, LA COOPERAZIONE CHIEDE AIUTO AL MINISTRO ROMANO

La cooperazione agricola ed agroalimentare italiana ha rivolto oggi al Ministro delle Politiche Agricole Francesco Saverio Romano una serie di richieste collegate alla crisi della frutta estiva: tra queste, sostegni al reddito degli agricoltori, aiuti sul fronte del credito, norme che regolamentino il rapporto con la Gdo, un Osservatorio per monitorare la crisi.

 

“Aiuti comunitari a sostegno del reddito degli agricoltori nella campagna in corso; aiuti al credito e richiesta di moratoria ABI per le scadenze di credito; maggiore incisività e attenzione alle politiche di settore dell’UE partendo dal ruolo delle OP (organizzazioni di produttori) e della OCM ortofrutta; iniziative legislative per regolamentare i rapporti con la GDO in analogia con quanto avviene in altri paesi europei come la Francia; istituzione infine di un Osservatorio per monitorare il settore e le crisi e per valutare la correttezza dei comportamenti dei competitor, al fine di evitare dumping e governare il mercato”: queste nel dettaglio le richieste presentate oggi dal presidente di Fedagri Maurizio Gardini a nome di tutta la cooperazione agroalimentare, intervenendo anche in rappresentanza di Giovanni Luppi, presidente Legacoop Agroalimentare e di Giampaolo Buonfiglio, presidente AGCI-Agrital, nel corso del Tavolo convocato oggi dal Ministro delle Politiche Agricole Romano sulla crisi del settore ortofrutticolo.

 

Un ringraziamento particolare è stato espresso dalle organizzazioni cooperative agricole italiane al Ministro Romano “per la sensibilità politica dimostrata nei confronti del sistema organizzato cooperativo”.

“La crisi che si sta facendo sentire specie in alcuni territori – ha evidenziato Gardini – richiede il coinvolgimento al Tavolo anche delle Regioni, per concordare in modo sinergico azioni e misure da mettere in atto e per sostenere con forza uno dei comparti di maggior valore della nostra produzione nazionale”.