MAERSK, UTILI E RICAVI IN CRESCITA NEL PRIMO SEMESTRE 2011

Numeri in crescita per il gruppo armatoriale danese A.P. Møller-Mærsk. Nella prima metà del 2011 il colosso nel settore shipping line container,  ha registrato un utile netto di 14,54 miliardi di Corone danesi (4,07 miliardi di dollari) su ricavi per 159,23 miliardi di Corone danesi, con incrementi rispettivamente del 3% e del 4% rispetto al primo semestre dello scorso anno.

 

I risultati del primo semestre di quest’anno espressi in dollari mostrano aumenti del 9% dei ricavi e dell’8% dell’utile netto. Tuttavia, come si legge su informare.it, nel secondo trimestre 2011 le performance economiche del gruppo sono risultate inferiori a quelle del corrispondente periodo del 2010: i ricavi sono diminuiti del 3% a 80,12 miliardi di Corone danesi e l’utile netto è diminuito del 24% a 8,19 miliardi di Corone danesi.

 

“Grazie alle buone performance delle nostre attività terminalistiche e di quelle correlate al settore petrolifero – ha commentato l’amministratore delegato di A.P. Møller-Mærsk, Nils S. Andersen (nella foto)- il gruppo ha ottenuto un risultato soddisfacente per il primo semestre. Come previsto all’inizio dell’anno, il mercato dello shipping ha attraversato difficoltà a causa della crescente capacità e prevediamo che il rallentamento della crescita economica e la volatilità del mercato proseguirà anche nei prossimi trimestri. Abbiamo tratto vantaggio dalla nostra solida posizione finanziaria investendo nelle nostre attività principali e quindi ci prepariamo ad una crescita continua a proficua a lungo termine”.

 

La divisione di trasporto marittimo containerizzato del gruppo danese, costituita dalle società di navigazione Maersk Line, Safmarine e MCC Transport, dalla società logistica Damco e dal costruttore di container Maersk Container Industry, ha chiuso il primo semestre del 2011 con ricavi per 70,47 miliardi di Corone danesi e un utile netto di 2,09 miliardi di Corone danesi (-70%). La flessione dei risultati economici è stata causata dal deciso peggioramento delle performance nel secondo trimestre del 2011. La divisione terminalistica ha registrato nel primo semestre un utile netto di 1,62 miliardi di Corone danesi (-45%) su ricavi per 11,77 miliardi di Corone danesi.

 

Nel periodo i terminal portuali di A.P. Møller-Mærsk, operati attraverso la filiale olandese APM Terminals, hanno movimentato un traffico dei container pari a 16,2 milioni di container da 20′, con un incremento del 3% rispetto a 15,8 milioni di teu movimentati nella prima metà del 2010. La flotta di portacontainer del gruppo danese ha totalizzato volumi trasportati pari a 3,8 milioni di container da 40’ (teu) rispetto ai 3,6 milioni di teu nella prima metà del 2010. Al 30 giugno scorso la flotta di portacontainer del gruppo era costituita da 245 navi di proprietà e da 376 navi a noleggio per una capacità complessiva pari a 2,4 milioni di container da 20′ (teu). Nel corso del secondo semestre di quest’anno il gruppo prenderà in consegna altre nove portacontainer per una ulteriore capacità pari a 55.000 teu.