COOPERAZIONE: “VINTA LA PRIMA BATTAGLIA SULLO SVILUPPO RURALE”

La Cooperazione agroalimentare esulta: “Un grande risultato quello ottenuto dalla cooperazione europea. Ci rallegriamo nel leggere che nella proposta di Regolamento sullo sviluppo rurale, presentata ieri, è stato finalmente rimosso il limite di accesso alle misure di investimento per le imprese che superano la soglia di "piccola e media impresa".

 

Sono stati pressanti in questi mesi le richieste della cooperazione agricola europea sulla Commissione che alla fine non ha potuto non tenere conto dell’esigenza delle grandi imprese dell’agroalimentare di investire per competere sul mercato globale”.

Così il presidente di Fedagri-Confcoopreative Maurizio Gardini, a nome anche dei Presidenti Luppi e Buonfiglio, alla guida rispettivamente di Legacoop Agroalimentare ed Agciagrital. “Accogliamo quindi con grande soddisfazione – prosegue Gardini – il superamento di quella che a nostro avviso costituiva una palese contraddizione tra l’obiettivo di rafforzare le cooperative nel riequilibrio della catena alimentare e la regolamentazione che ne impediva l’accesso alle misure di miglioramento delle attività di trasformazione e commercializzazione previste nel secondo pilastro”.

“Ora ci aspettiamo che anche il nostro Ministro faccia la sua parte e difenda il risultato in sede di Consiglio. Sempre nello stesso regolamento auspichiamo inoltre che vengano accolte le richieste della cooperazione relative agli strumenti di stabilizzazione del reddito, come i fondi mutualistici che non potranno non essere gestiti in forma collettiva all’interno delle strutture di aggregazione dell’offerta”.

 

 

Nella foto, da sinistra: Giovanni Luppi, Maurizio Gardini e Giampaolo Buonfiglio