MILANO SI TINGE DI GIALLO… CHIQUITA

"Prendi la gialla". È questo il tormentone della campagna di affissioni Chiquita che campeggerà per più di un mese nell’area urbana di Milano. Il linguaggio leggero ed ironico è in totale sintonia con la marca e strizza l’occhio agli abitanti e pendolari del capoluogo lombardo utilizzando un simbolo perfettamente integrato con la loro quotidianità: la linea gialla della Metropolitana.

"Prendi la Gialla" inteso quindi come gioco di parole ma anche come richiamo forte all’acquisto facendo leva su uno dei plus che il consumatore riconosce come unici della banana Chiquita: la brillantezza del suo colore giallo. Per il pay off invece non poteva mancare il riferimento al gusto con il massimo dei voti più la lode.
La creatività è di Armando Testa, artefice di alcune tra le più memorabili campagne di Chiquita.

Il format verrà declinato su una molteplicità di supporti per massimizzare la copertura del territorio cittadino. Oltre alla tabellare classica con poster 6×3 distribuiti nei circuiti della metropolitana e della GDO, le pensiline e i maxi poster luminosi, è prevista la filotranviaria con Eurotram e Sirietto vestiti di giallo per più di 1 mese.  
"Il 2012 sarà un anno intenso per la comunicazione di Chiquita e la campagna di affissioni su Milano, ancorché capillare, rappresenta solo un anticipo di quanto Chiquita farà per tenere alta l’attenzione sulla marca e saldi i parametri di valore e preferenza che i consumatori le riconoscono", ha dichiarato Paolo Prudenziati, Vice President South Europe and Middle East.
La pianificazione è di Initiative, il centro media che segue Chiquita in Italia da più di 10 anni.


Chiquita Brands International è un’azienda leader a livello internazionale nella produzione, commercializzazione e distribuzione di banane ed altra frutta e verdura fresca di alta qualità. Vendendo principalmente con i marchi Chiquita® e Fresh Express®, la società distribuisce e commercializza anche frutta fresca a pezzi ed altri alimenti a valore aggiunto. Con un giro d’affari di più di 3 miliardi di dollari, opera in 70 Paesi e impiega 21.000 dipendenti.