ACCORDO POMODORO, UNIMPRESA: “DI MALE IN PEGGIO”

"Avevamo sperato in migliori risultati per questa trattativa con Aiipa, invece l’accordo per il pomodoro da industria che è stato siglato tra l’Aiipa e le OP fornitrici del distretto Centro-Nord Italia (leggi news correlata) è peggio di quello già deludente di alcune settimane con Confapi". Questo il commento di Unimpresa sull’intesa raggiunta l’altro giorno sul prezzo del pomodoro da industria.

"E’ all’assurdo che il prezzo è addirittura sceso arrivando a 84 euro a tonnellata contro gli 85 dell’altro anno e gli 88 euro dello scorso anno. Si tratta di un accordo che non riconosce il giusto prezzo alla materia prima in quanto non copre neppure i costi produttivi, consiglieremo ai nostri associati imprenditori agricoli di non lavorare in perdita e, pertanto, di abbandonare il pomodoro per dedicarsi ad altre colture. Confidiamo che le OP del Sud Italia, seppur meno roboanti di quelle del Centro Nord, sappiamo fare meglio gli interessi dei produttori e arrivino ad un accordo con Anicav più equo di quelli firmati al Nord. Altrimenti gli italiani dovranno abituarsi a mangiare pelati, passate, sughi, ecc. fatti con pomodori provenienti da altre nazioni".