FRAGOLE, ELEUTERI OTTIMISTA: “DOMANDA INIZIALE SOSTENUTA, MERCATO ATTIVO”

La campagna fragole è iniziata con una domanda molto sostenuta, grazie al clima mite in tutta Europa che ha incentivato i consumi in tutto il centro-Nord Europa con richieste notevolmente superiori alle disponibilità già dai primi giorni di marzo. Il commento è di Marco Eleuteri (nella foto), direttore commerciale dell’Aop Armonia di Battipaglia (Salerno).

 

 

 

"Nonostante i produttori spagnoli di fragole, che sono i nostri principali competitors, abbiano raccolto fino a metà marzo circa il 30% in più rispetto allo stesso periodo dell’anno passato, le quotazioni si sono mantenute sempre abbastanza alte, comunque mediamente in linea con quelle dello stesso periodo dell’anno scorso", sottolinea Eleuteri.

"La produzione italiana, al contrario, durante tutto il mese di marzo ha conosciuto una sensibile contrazione dovuta alle gelate del mese di febbraio, il che ha ridotto in misura consistente l’offerta di fragole di origine italiana. Siamo piuttosto ottimisti per l’andamento di mercato – aggiunge il direttore commerciale dell’Aop campana – visto che il mercato nazionale, così come il mercato estero, sembrano particolarmente attivi".

"Per quanto riguarda il mercato non credo ci saranno accavallamenti con le produzioni spagnole, in generale le fragole prodotte in Spagna sono infatti più precoci delle nostre e nonostante le importanti quantità spedite a marzo non ci sono giacenze di prodotto spagnolo sul mercato europeo, inoltre i produttori spagnoli, che a fine marzo hanno già raccolto un 40/50% della loro produzione, già dai primi giorni di aprile hanno iniziato la loro fase qualitativa discendente e chi vorrà fragole di qualità dovrà rivolgersi a produttori italiani".

Il 90% della produzione di fragole dell’Aop Armonia è rappresentata da Candonga (55%) e Sabrina (35%) della Planasa. "Monitoriamo continuamente nuove varietà, ma per chi privilegia il gusto, e quindi la qualità, pur rinunciando a produrre quantitativi importanti, la scelta è piuttosto scontata. Non vediamo, almeno nel panorama varietale attuale, delle alternative valide a Candonga e Sabrina".

Facendo un bilancio invece della stagione 2011 Eleuteri definisce l’annata abbastanza positiva. "Coltivare fragole – aggiunge – richiede però investimenti consistenti e suppone dei rischi molto elevati, specie in relazione ai risultati ottenuti negli ultimi anni dagli agricoltori, tanto spagnoli come italiani, impegnati in questa coltura. Lo dimostra il fatto che la superficie dedicata alla coltivazione di fragole tanto in Italia come in Spagna è praticamente la stessa da 10 anni. Oggi il panorama varietale è molto variegato ed appare abbastanza evidente una tendenza produttiva differente per i 2 principali produttori europei del Mediterraneo; per le diverse condizioni pedoclimatiche degli areali produttivi dei 2 Paesi, si osserva infatti una certa tendenza a privilegiare varietà più pregiate ma non molto produttive nel Sud Italia, e varietà più produttive ma dalle caratteristiche gustative non eccezionali nel Sud della Spagna. Queste differenze di qualità – precis Eleuteri – che inevitabilmente si riflettono anche nelle quotazioni di mercato, hanno limitato negli ultimi tempi la concorrenza tra i 2 Paesi, le cui produzioni sono indirizzate appunto a target commerciali diversi".

"Con l’ingresso nell’ Aop Armonia della Coop Prometas di Scanzano Jonico, nel 2012 dovremmo raggiungere una produzione di circa 3.000 tonnellate di fragole, 1000 in più rispetto al 2011, destinate per circa il 90% alla Gdo, sia italiana (80%) che estera (10%).

La Aop Armonia è un gruppo che riunisce agricoltori dislocati nelle 4 regioni meridionali peninsulari di Campania, Puglia, Calabria e Basilicata. Orgogliosamente ci definiamo una Associazione di produttori ortofrutticoli Meridionale, non colonializzata, nata per commercializzare direttamente le produzioni degli agricoltori associati attraverso una struttura efficiente e competitiva. Negli ultimi 2 anni il gruppo è cresciuto in maniera consistente raggiungendo nel 2011 un fatturato aggregato di circa 28 milioni di euro puntando su produzioni di qualità.

"Anche le ultime aggregazioni, come la Coop Sole e Natura per gli agrumi, la Coop Prometas per fragole e drupacee, la società Agricola Divano per i loti, che dovrebbero far crescere ulteriormente i volumi del gruppo nel 2012, rispettano questo "patto per la qualita’" su cui nasce ed intende svilupparsi la Aop Armonia", sottolinea il manager dell’aop salernitana.

Per una migliore valorizzazione delle produzioni frutticole connotate da una elevata qualità gustativa, è stata creats una linea di prodotti di fascia Premium (DolceFrutta), "che ci sta dando grandi soddisfazioni specie per le fragole", spiega Eleuteri. "Il nostro brand DolceFragola si è infatti subito affermato con successo sul mercato e la richiesta di questa linea di di prodotti, nonostante il prezzo elevato, è costantemente superiore a ciò che riusciamo a produrre". (e.z.)

 

Copyright CorriereOrtofrutticolo.it su testo, utilizzabile solo citando la fonte: www.corriereortofrutticolo.it