AGECONTROL SCIOPERA, MA L’EXPORT DI ORTOFRUTTA DAI MERCATI VENETI È SALVO

“Sventato”  il blocco dell’export di ortofrutta dal Veneto verso i principali Paesi di riferimento, Est Europa in testa. Gli operatori di Agecontrol, ente nazionale preposto, tra l’altro, ai certificati di esportazione, hanno indetto uno sciopero dal 27 al 30 aprile che rischiava di impedire qualsiasi attività di commercio con l’estero e di fermare decine di camion carichi di prodotti deperibili.



Il danno, come evidenzia il Maap di Padova (nella foto il direttore Francesco Cera) in un comunicato stampa, sarebbe stato notevole se non si fosse subito attivata una task force che, dopo la tempestiva segnalazione del  mercato agroalimentare patavino ha prontamente risolto la situazione.

Ricevuta  la segnalazione, il Presidente del Consiglio regionale del Veneto, Clodovaldo Ruffato ha infatti avviato uno "pressing" nazionale che ha visto la pronta disponibilitá e collaborazione dei Direttori generali di Agecontrol e della Agenzia delle dogane che hanno, di fatto, sbloccato la situazione per consentire il transito dei camion in dogana.

I soli mercati di Padova e Verona, prosegue il comunicato del Maap,  esportano insieme ogni anno oltre 500 milioni di euro di ortofrutta fresca verso Germania ed Est Europa.

Soddisfatto il presidente dei grossisti padovani, Giancarlo Daniele: “Questa ė la politica bella ed utile che piace vedere a noi imprenditori che giá abbiamo moltissimi problemi ogni giorno a resistere sul mercato. Un grazie quindi a Regione Veneto, Agecontrol ed Agenzia delle Dogane per avere prontamente capito e risolto le nostre difficoltà”.