TERREMOTO, PER SETTORE DANNI SUPERIORI FORSE AI 200 MILIONI DI EURO

“Il Consiglio dei Ministri ha preso un primo provvedimento dichiarando lo stato di emergenza per i territori colpiti dal sisma. Il Ministero è al lavoro per completare al più presto il monitoraggio, premessa per consentire alla aziende di riprendere celermente le loro attività. Da una prima stima i danni per il settore agroalimentare potrebbero rivelarsi superiori ai 200 milioni di euro”.

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Mario Catania ha così commentato i primi risultati del monitoraggio dei danni provocati dal sisma nel Nord d’Italia. Il 21 maggio è stato infatti attivato a tale scopo un coordinamento con gli uffici degli assessorati all’agricoltura delle Regioni interessate (Emilia Romagna, Lombardia e Veneto) nonché con i soggetti associativi e consortili del territorio.

Il sisma del 20 maggio ha coinvolto il territorio di 4 provincie (Ferrara, Modena, Mantova, Rovigo). Nei comuni interessati con danni strutturali (circa 50 comuni), operano oltre 10.000 aziende agricole, di cui poco meno di 1.000 allevamenti, e alcune centinaia di strutture di trasformazione, lavorazione e magazzinaggio di prodotti agroalimentari. La superficie agricola interessata è di oltre 250.000 ettari.

Con le prime stime si sono identificate anche differenti tipologie di danni:

A) Danni a prodotti non durevoli con perdita di valore totale o parziale. A questo riguardo il danno maggiore riguarda i magazzini di conservazione dei formaggi Dop Parmigiano Reggiano e Grana Padano. Sono stati censiti 13 magazzini colpiti con il crollo a terra delle scalere e quindi di tutto il formaggio. Altri danni rilevanti riguardano perdite di prodotto in strutture di lavorazione e trasformazione (acetaie, cantine, caseifici) nonché in aziende agricole a seguito di crolli di stalle e magazzini.

B) Vi sono poi i danni alle strutture ed alle attrezzature durevoli, ed a questo riguardo vengono segnalati: strutture di aziende agricole: diverse decine di crolli ed inagibilità totale di abitazioni agricole, capannoni, stalle, magazzini, nonché centinaia di casi di danni strutturali la cui gravità dovrà essere valutata; altre strutture agroalimentari: diverse decine di strutture (sia magazzini formaggio di cui al punto precedente nonché acetaie, cantine, caseifici e magazzini frigoriferi) hanno subito danni strutturali agli edifici e alle strutture e macchinari interni.