OK DEL MIPAAF AL CONTRATTO QUADRO PER LE PATATE DELL’EMILIA ROMAGNA

Il Mipaaf ha riconosciuto la conformità alla normativa nazionale delle modifiche apportate al contratto quadro per le patate da consumo fresco per la campagna in corso, sottoscritto alla Regione Emilia Romagna il 22 giugno scorso. Il contratto è dunque valido ai sensi di legge. L’elemento di maggiore novità riguarda la costituzione di una commissione di valutazione paritetica.

La commissione opera in fase di consegna del prodotto per uniformare le modalità di valutazione qualitativa e di campionamento del prodotto. A tal fine è stato anche realizzato un opuscolo fotografico, di ausilio per la classificazione qualitativa del prodotto, con l’esatta raffigurazione delle principali difettosità.

Altre modifiche prevedono che il mancato pagamento o il reiterato ritardo siano motivo di esclusione dal contratto nell’anno successivo. Nelle premesse del contratto, i firmatari si sono anche impegnati a definire gli aspetti che dovranno essere sviluppati nel prossimo rinnovo triennale per il periodo 2013-2015. Essi prevedono: il miglioramento della qualità del prodotto con la ricerca di più efficaci tecniche di coltivazione, raccolta e conservazione e l’introduzione di limiti di accettazione più articolati; lo sviluppo di relazioni economiche tra OP, cooperative e imprese del commercio adeguate alle attuali esigenze del comparto; l’aggiornamento delle modalità di definizione del prezzo e l’applicazione di penalità per mancato ritiro/consegna del prodotto e, infine, la raccolta e gestione del Fondo di esercizio.

Sul sito del Mipaaf il dettaglio del contratto quadro