PIEMONTE, PARTENZA POSITIVA PER LE MELE, PREVISTI PREZZI PIÙ ALTI DEL 2011

Partenza positiva per le mele piemontesi. Sono soddisfatti i produttori per l’andamento della raccolta, iniziata, quest’anno, subito dopo Ferragosto. “A giorni verrà completato il raccolto delle Gala e sta iniziando la raccolta di quelle a maturazione autunnale, come le Red e, successivamente, le Golden", commenta Maurizio Ribotta (nella foto), tecnico Confagricoltura Cuneo.

"Al momento possiamo ritenerci soddisfatti per la qualità organolettica e gustativa delle mele che risultano di ottimo gradimento per il consumatore. Inoltre le temperature fresche dell’ultimo periodo hanno permesso un’evoluzione molto positiva del sovracolore rosso, per cui anche dal punto di vista estetico si può essere soddisfatti”.

Alcuni problemi, invece, sulla quantità del prodotto, come sottolinea TargatoCn. “Le rese produttive sono state inferiori rispetto all’anno precedente di circa un 10%, a causa di una minor fase di allegagione dopo la fioritura – continua Ribotta -. Purtroppo la pioggia di inizio settembre ha provocato la spaccatura dei frutti, comportando problematiche in alucune aziende che hanno perso fino al 25% del raccolto”.

Segnali confortanti, intanto, arrivano dal mercato. “É già partita la vendita – conclude Ribotta -, non vi sono ancora segnalazioni precise anche se l’andamento sembra positivo. C’è notevole interesse per la mela piemontese e ci sono tutti i presupposti per spuntare prezzi ragionevolmente più alti rispetto al 2011”.

Ottima qualità e zuccheri molto alti contraddistinguono, invece, la campagna delle susine, iniziata ad agosto con le varietà europee e che si concluderà a breve con la raccolta dell’Angeleno. Soddisfazione anche per quanto riguarda le rese, nonostante le ultime piogge che hanno comportato perdite del prodotto in alcuni casi consistenti