INFOMERCATI, ASSEMBLEA A ROMA PER DECIDERNE IL FUTURO

Vigilia di tensione per l’assemblea degli azionisti di Infomercati, in programma a Roma per questo pomeriggio alle 14. Riporteremo entro domani le conclusioni. Per il momento registriamo che fino a qualche ora prima dell’assemblea restava forte la componente di coloro che vorrebbero la fine di questa esperienza, che negli anni ha dato risultati negativi sotto il profilo economico.

Ciò nonostante ci siano le dichiarazioni di intenti di Borsa merci telematica Italiana (BMTI), espressione dell’Unione delle Camere di commercio, alla quale è stata affidata formalmente (con atto notarile) la gestione operativa a partire dallo scorso agosto.

BMTI si è impegnata a ridurre al massimo i costi e a sviluppare al massimo tutte le possibili sinergie. Ma restano i ‘buchi’ del passato da ripianare (e sui criteri del ripianamento c’è polemica al calor bianco) e, soprattutto, non è chiara l’utilità della società, i cui servizi sono sviluppati anche da altri organismi. Ricucire la tensione tra le varie componenti, espressioni dei Mercati all’ingrosso italiani, nell’arco temporale dell’assemblea sembra del tutto improbabile.

L’arduo compito della mediazione spetta ad Assomercati e al suo presidente Giuseppe Pavan, che rappresenta l’ago della bilancia. Milano e Roma hanno lanciato la gestione BMTI e difficilmente se la potranno rimangiare, Torino e altri mercati stanno alla finestra, i mercati veneti e alcuni mercati del Sud sono contrari alla nuova esperienza se non si metterà in chiaro tutta una serie di questioni. (A.F.)

 

Copyright CorriereOrtofrutticolo.it sul testo utilizzabile solo citando la fonte: www.corriereortofrutticolo.it