MELE: IN VALTELLINA PARTITA LA RACCOLTA, IN AUMENTO SUL 2012

Promette molto bene la raccolta delle mele valtellinesi per l’annata 2013. Dati ufficiali ancora non ce ne sono, Le prime stime da parte degli operatori – a qualche giorno dall’avvio della raccolta più importante (quella delle mele Golden e delle Red Delicius) dicono che, nonostante una pezzatura più piccola, la qualità sia buona e la quantità pure.

 

Gian Luigi Quagelli (nella foto di Luca Gianatti), presidente di Melavì – la realtà che si appresta alla prima raccolta "condivisa" delle tre ex cooperative di Ponte, Villa di Tirano e Tovo Sant’Agata – si dichiara convinto dei buoni risultati di questa raccolta.

"Il clima è ideale perché si è raffreddato – dichiara al quotidiano La Provincia di Sondrio -. Stiamo finendo la raccolta delle Gala, mele estive Igp. Siamo nel trend che avevamo ipotizzato con qualche leggero ribasso".

"Nell’ultimo periodo le mele si sono colorate – spiega – e sembra che manchi un po’ la pezzatura: le mele sono più piccole rispetto alla scorsa stagione, ma si tratta di un dato a livello nazionale che non tocca solo la Valtellina. A livello nazionale si prospetta un aumento della produzione di 7 punti, tenendo conto però che lo scorso anno c’era stata una diminuzione di 13 punti. Se si considera inoltre che l’Alto Adige ha sofferto molto per la grandine, grosso modo sul mercato arriveranno da parte italiana le stesse mele, mentre da parte valtellinese ci sarà un maggior apporto rispetto allo scorso anno, perché c’era stata la brutta grandinata che aveva dimezzato il raccolto. Dunque, la produzione della provincia di Sondrio si assesterà intorno a 240mila quintali, contro i 180mila quintali di mele dello scorso anno".

Questa settimana si chiuderà la raccolta delle Gala, che pure è partita con un po’ di ritardo. Poi si partirà con le altre varietà. Sono in corso in questi giorni le prove tecniche di maturazione per definire il grado di maturazione dei frutti che varia a seconda dei fattori. I primi stacchi di Golden e Red Delicious dovrebbero essere fra una decina di giorni. Dalla data di inizio, la raccolta si chiuderà in massimo tre settimane.

"E’ importante concludere in questi tempi perché le mele troppo mature hanno un problema di durezza e collocazione sul mercato – aggiunge Quagelli -. Il problema della pezzatura rimane, ma c’è stato un miglioramento rispetto a quanto ci aspettavamo, e la qualità è discreta. Quanto alle mele rosse, il mercato risente del fatto che di questa varietà non ce n’erano molte, per cui la campagna è partita con prezzi buoni". L’episodio di grandine che si è verificato durante l’estate fortunatamente non inciderà sui numeri com’era successo con la grandinata distruttiva dello scorso anno che aveva dimezzato la produzione e messo in ginocchio i frutticoltori sprovvisti di reti antigrandine. (fonte: La Provincia di Sondrio)