L’ORTOFRUTTA “MADE IN PIEMONTE” SI PRESENTA UNITA A BERLINO

Un colpo d’occhio di grande appeal, quello che caratterizzerà l’importante presenza del Piemonte ortofrutticolo alla 22ma edizione di Fruit Logistica, la rassegna internazionale di riferimento per l’intera filiera di frutta e ortaggi, in programma dal 5 al 7 febbraio prossimi a Berlino.

Sotto il brand “Made in Piemonte”, circa 20 aziende tra le più rappresentative del territorio regionale animeranno un’area di oltre 200 metri quadrati, realizzata grazie al sostegno dell’Assessorato all’Agricoltura della Regione Piemonte, unitamente al FEASR-Fondo Europeo Agricolo per lo Sviluppo Rurale, con il coordinamento organizzativo di Assortofrutta (l’Associazione dei Consorzi per la valorizzazione e tutela delle produzioni ortofrutticole a marchio collettivo della provincia di Cuneo e del Piemonte), in collaborazione con Fedagri-Confcooperative Piemonte e Cuneo.

Ambientazione dalla trama elegante, quasi teatrale, con un mix di stile tra l’old e il fashion, giocato sul contrasto tra l’effetto dalmata diffuso del bianco-nero – utilizzato come motivo d’arredo – e quello spugnato in tonalità sabbiate dello skyline ormai tradizionale delle vette alpine, che fa da cornice all’intera area espositiva, sdoppiata su due poli frontali, che culmina con lo sguardo di prospettiva del Monviso che domina i frutteti, amplificatore naturale della scenografia complessiva.

Non poteva non godere di una visibilità esclusiva la Mela Rossa Cuneo, nella sua prima uscita internazionale ufficialmente griffata della nuova IGP-Identificazione Geografica Protetta: a colpo d’occhio, un brivido rosso che accende la scena con una personalizzazione che inebria e sa di casa. Il trionfo della “diva rossa” di Cuneo, oltre a portare luce tra le sagome che delimitano gli habitat delle varie imprese, evidenzia quelle aziende già in possesso della certificazione sulla produzione, che esprime complessivamente una superficie totale certificata di circa 800 ettari, con un potenziale produttivo complessivo di circa 48 mila tonnellate.

In questa geometria vintage legata alle produzioni tradizionali del territorio – unite alle avanguardie d’innovazione tecno-varietale del settore presentate dalle imprese espositrici – non manca però un comune pensare all’evento italiano che esprimerà la rivoluzione culturale della green-economy, come commenta il presidente di Assortofrutta e del Consorzio di Tutela della Mela Rossa Cuneo IGP, Domenico Sacchetto: “Se Berlino rappresenta un appuntamento quasi istituzionale con il mercato ortofrutticolo mondiale, a Expo 2015 di Milano guardiamo come all’evento-riscatto verso gli altri Paesi della Comunità Europea, grazie al quale ci aspettiamo di rilanciare l’identità produttiva del nostro territorio per rinnovare il modello agricolo legato al Made in Italy. “Mission possible”, se la Regione Piemonte confermerà una regia e un adeguato sostegno economico a questa sfida di competitività e visibilità internazionale per l’agricoltura locale in un contesto sempre più globale, in cui l’ortofrutta rappresenta certamente un player strategico”.

Come da tradizione, il “Made in Piemonte” farà da file-rouge alle degustazioni previste nell’arco della tre-giorni berlinese, con un ricco banqueting allestito nei due poli dell’area espositiva, a cura dell’Istituto Alberghiero di Dronero, sotto l’expertise dello chef Mauro Prato e della sommelier della frutta Romina Baratta, insieme ai giovani allievi della scuola Noemi Giraudo e Giacomo Barucco. La nuova linea sottovetro di Cascina Valledoglio di Neive – interamente dedicata a prodotti a base di frutta e verdure piemontesi – arricchirà di localismo i menù in programma con antipasti e sfiziosità tradizionali, contorni grigliati e sott’olio, salse, bagnetti, creme, mostarde e composte, con un’attenzione speciale alla Pera Madernassa, il poliedrico frutto roerino che sarà oggetto di promozione da parte del Comune di Guarene, ufficialmente presente nello spazio Piemonte.

Oltre alla rassegna più rappresentativa dell’agroalimentare cooperativo piemontese – con salumi, formaggi, dolci tradizionali, vini doc e docg – l’edizione 2014 dedicherà un inedito “maritaggio” tra la Mela Rossa Cuneo IGP e il Prosciutto Crudo Cuneo DOP a marchio “Salumeria GranDock”, offerto dalla storica azienda Carni Dock di Lagnasco (produttore autorizzato dal Consorzio di Tutela). Un prodotto di pregio altamente locale, proposto secondo un rituale di produzione tramandato dal 1630 grazie all’attitudine all’allevamento dei suini e alla lavorazione delle loro carni che da secoli esprime la zona di produzione di questo gioiello della salumeria. Ma anche una tradizione garantita dall’esclusiva lavorazione artigianale a filiera corta, dall’autenticità del marchio a fuoco, dal microclima propedeutico alla stagionatura e dalla naturalezza del sale marino utilizzato. Ecco perché il “Made in Piemonte” a Fruit Logistica sarà sinonimo di un’agricoltura di eccellenza di ieri, oggi e domani.

 

Elenco degli espositori presenti nell’area “MADE IN PIEMONTE”

 

STAND B-01

–         Eden Fruit (Saluzzo)

–         Cooperativa Jolly (Verzuolo)

–         Cooperativa Ponso (Saluzzo)

–         VM Marketing – Vanzetti Fruit (Savigliano)

–         F.lli Castellino (Villanova Mondovì)

–         Cascina Valledoglio – Centogum (Neive)

 

STAND B-O2

–         Area Assortofrutta-Consorzio di Tutela della Mela Rossa Cuneo IGP
con le 4 OP-Organizzazioni di Produttori associate:
Piemonte Asprofrut (Lagnasco), Lagnasco Group (Lagnasco), Ortofruit Italia (Saluzzo) e Albifrutta (Costigliole Saluzzo)

–         Rivoira Spa (Verzuolo)

–         Kiwi Uno (Verzuolo)

–         RK Growers (Saluzzo)

–         Sanifrutta (Costigliole Saluzzo)

–         Aurum Fruit (Costigliole Saluzzo)

–         AsProPat (Castelnuovo Scrivia)

–         Sepo (Revello)