CRAI PRONTA A SBARCARE NELL’E-COMMERCE. IN CRESCITA FATTURATO E PUNTI VENDITA

Crai è pronta a sbarcare nell’e-commerce. In un primo momento con una fase di test prima del lancio ufficiale. Ad annunciarlo sono stati i vertici del gruppo distributivo in una conferenza stampa che si è tenuta stamane a Milano, alla presenza tra gli altri di Piero Boccalatte, presidente Crai Secom spa, Giangiacomo Ibba, presidente Crai Cooperativa, Marco Bordoli (nella foto), amministratore delegato Crai Secom spa, Mario La Viola, direttore marketing, Format, Rete Crai Secom spa.

“Per Crai – è stato detto – la spesa on line rappresenta l’evoluzione tecnologica di un modo di dare servizio al cliente che fa parte del nostro Dna”. Il servizio verrà supportato dall’osservatorio e-commerce del Politecnico di Milano e per l’occasione verrà costituito un team specializzato e dedicato formato da sei persone.

crai 1Durante l’incontro sono stati presentati i numeri aggiornati di Crai. Il 2016 ha visto un aumento del fatturato del 9% rispetto al 2015 raggiungendo i 5,8 miliardi di euro, a cui si aggiunge l’apertura di 332 nuovi punti vendita nel canale food in due anni su un totale di oltre 3.400 negozi. Solo nei primi sei mesi di quest’anno ne sono stati aperti 78.

Il gruppo Crai (canali food e drug) a febbraio 2017 è cresciuto di 0,15 punti percentuali guadagnandosi il nono posto nella classifica della presenza delle catene distributive in Italia con una quota del 3,46%, subito dietro il gruppo Vegè e davanti a Lidl Italia (prima Coop, seconda Conad, terza Selex, quarta Esselunga, seguite da Auchan, Carrefour e Eurospin, settima).