L’ALLEANZA TRA BAULE VOLANTE & FIOR DI LOTO SRL: DEBUTTO AL GLUTEN FREE EXPO 2017

In occasione della sesta edizione di Gluten Free Expo, che si terrà a Rimini da sabato 18 a martedì 21 novembre, l’alleanza strategica tra Baule Volante e Fior di Loto debutterà nel concreto con la partecipazione alla manifestazione internazionale dedicato ai prodotti e al mercato senza glutine. Annunciata solo poche settimane fa, la nuova società Baule Volante & Fior di Loto S.r.l. nascerà formalmente 1° gennaio 2018, ma la messa in atto delle nuove sinergie è già realtà.

Le due aziende, leader del settore biologico in Italia, interverranno per la prima volta insieme a un evento fieristico: all’interno della nuova area BIO del padiglione A7, presso lo stand 16A/16C, presenteranno le loro ultime novità di prodotto, oltre alle storiche referenze senza glutine di entrambi i brand.

Tante novità Baule Volante che ai Gluten Free Awards candida 4 referenze senza glutine buonissime e per questo apprezzate da tutta la famiglia: Budino al Cacao, Gallette di mais e quinoa, la linea Solo Frutta – creata con 100% polpa di frutta – e l’innovativa Cicoria solubile con gingsen.

Le offerte Fior di Loto, studiate per soddisfare la crescente richiesta di prodotti biologici senza glutine, si arricchiscono di proposte per la colazione e la merenda, oltre a una serie di altre referenze candidate ai Gluten Free Awards, tra le quali: gli affettati e i burger di verdure bio, quattro nuove tipologie di cous cous, una vasta linea di gomasio e la linea di pasta fresca Zer%Glutine.

Per la nuova società l’esordio durante una manifestazione di riferimento come Gluten Free Expo si presenta come un’ottima occasione per far emergere gli obiettivi dell’alleanza, che punta a offrire servizi commerciali flessibili ed efficienti, a “fare innovazione” attraverso un intenso lavoro di ricerca e sviluppo prodotti e, ovviamente, ad acquisire anche quote di mercato.

L’idea di una “alleanza” e non di una mera operazione economica è evidente e confermata anche dal fatto che la neo costituita società non ha un marchio di nuova creazione, ma un nome che è formato – in modo semplice e naturale – dall’abbinamento dei due brand. Questo permetterà di mantenere vive le identità dei due marchi e unire i know how che le hanno portate a diventare due realtà riconosciute in tutto il panorama biologico.