PENNY MARKET: 167 MILIONI DI INVESTIMENTI ENTRO IL 2019

Una crescita continua e costante per diffondere il marchio in modo sempre più capillare, creando valore sul territorio in termini di nuove assunzioni ed indotto, grazie ad una quota sempre crescente di fornitori locali. Questa la strategia di Penny Market per il biennio 2018-2019.

L’impegno di Penny Market per l’anno in corso e per il prossimo si concretizza infatti in una crescita degli investimenti per una cifra pari a 167 milioni di euro. Nel dettaglio, la voce più rilevante è costituita dai nuovi negozi (oltre 80,2 milioni); seguono i remodelling (27,9 milioni) per rendere l’esperienza di acquisto sempre più attuale; gli investimenti generali sugli store pre-esistenti (20,9 milioni), nuovi magazzini (Toscana e, soprattutto, Sicilia: l’hub di Catania sarà uno dei più innovativi della Penisola) e gli investimenti per la nuova sede di Cernusco sul Naviglio, ad alto tasso di tecnologia e di rispetto dell’ambiente (1,8 milioni).

Gli investimenti previsti tra 2018 e 2019 manifestano la volontà di Penny Market di rafforzare la presenza in Italia, contribuendo anche allo sviluppo dei territori nei quali abbiamo deciso di operare – spiega Roberto Fagnani, CFO di Penny Market.  “Proprio la crescente integrazione con il tessuto socio-economico locale ci consente di rendere sempre più concreti i principi fondamentali del nostro lavoro: anticipare le esigenze dei clienti, collaborare con i produttori locali e valorizzare il nostro capitale umano”.

Nell’anno in corso sono previste circa 20 aperture, concentrate in Toscana, Lombardia, Piemonte e Sud Italia. Grazie ai nuovi store, verranno creati nel 2018 circa 100 nuovi posti di lavoro ai quali si aggiungono numerose persone nell’indotto. Penny Market ha infatti più di 500 fornitori italiani, molti dei quali sono piccole e medie imprese.