DAGLI STATI UNITI ARRIVANO TRE NUOVE VARIETÀ DI FRAGOLE

Il vivaio californiano Lassen Canyon ha lanciato, nei primi mesi del 2018, tre nuove varietà di fragole. Sangria, Emilia e Camilla sono i nomi commerciali di queste tre cultivar già brevettate che tra le principali caratteristiche hanno un’elevata pezzatura e una grande produttività delle piante.

“In quanto a calibri – ha spiegato Travis Stgmeir, ricercatore del programma di miglioramento varietale delle fragole dei vivai Lassen Canyon – si viaggia intorno dai 23 grammi per frutto della Camilla, ai 24 della Sangria fino ad arrivare ai 29 grammi dell’Emilia. A differenza delle altre due, la Sangria è meno dura e presenta una pianta dall’architettura aperta. Tutte e tre le varietà hanno frutti di forma conica”.

La migliore produttività è data dalla varietà Camilla con quasi 2 chili per pianta (1.855 g), segue l’Emilia con 1.626 e da ultima la Sangria con 1.505 grammi per pianta.

Ai test fitopatologici, la Camilla ha dimostrato una maggiore resistenza alla verticillosi con una mortalità delle piante al di sotto del 30% mentre tutte e tre sono poco resistenti al marciume carbonioso causato dal fungo Macrophomina.

In California si produce il 92% delle fragole statunitensi, il 7% è prodotto in Florida e il restante tra i campi di North Carolina e Oregon.

“La metà delle fragole prodotte in California – ha spiegato Luis Fernando Osorio Arango, coordinatore della ricerca del programma di miglioramento varietale delle fragole dell’università della Florida – sono della varietà Fortuna, segue la Sensation, 20%, Driscoll, 10%, Brilliance, 9% e Beauty, 7%”.

La Brilliance è la più produttiva con 6.700 chili per ettaro l’anno (contro i 5mila della Beauty e i 4,500 della Fortuna) ma è una varietà molto sensibile alla fitoftora e, nelle piantagioni in latitudini più a nord della Florida, ha bisogno di un maggiore apporto di nitrati durante la crescita.

Mariangela Latella