PROGNOSFRUIT, SULLE PERE PREVISTI VOLUMI STABILI. ITALIA LEADER

In occasione di Prognosfruit (leggi news), oltre alle mele, sono stati diffusi i primi dati previsionali sulle pere. In Europa è previsto un raccolto di 2,3 milioni di tons, in linea con il 2017 (+4%), che si era fermato a 2,2 milioni, con il 2016, che aveva toccato i 2,1 milioni di tons, e con il 2015 che aveva sfiorato i 2,4 milioni, superati invece nel 2014. Il 2018 dovrebbe registrare un +3% rispetto alla media del triennio 2015-2017.

 

L’Italia mantiene saldamente la leadership tra i Paesi produttori europei con 741 mila tons previste, sulla stessa lunghezza d’onda del 2017 e con un +2% rispetto alla media 2015-2017. Abbastanza costante anche il Belgio con 318 mila tons (+2% sul 2017 e -5% sul triennio 2015-17). Cala il Portogallo con 158 mila tons, ma solo rispetto alla abbondante scorsa annata, mentre sull’ultima media triennale guadagna il 9%. Cresce l’Olanda con quasi 400 mila tons, +21% sul 2017 e +13% sul 2015-2017. Piuttosto stabile la Francia con 135 mila tons, in calo la Spagna.

 

Sulle varietà a livello europeo domina sempre la Conference, che cresce ulteriormente a 953 mila tons. Distaccata l’Abate, che rimane comunque la seconda varietà maggiormente prodotta (quasi tutta in Italia) in Europa con 33 mila tons, in leggera crescita (+2% sul 2017 e +5% sul 2015-2017).