PALLET EPAL, SECONDO TRIMESTRE DA RECORD (+10%)

Non si arresta la crescita dei pallet EPAL, le piattaforme in legno per la movimentazione delle merci. Termometro dello stato di salute dell’economia nel suo complesso, negli ultimi anni il marchio EPAL ha registrato una crescita costante, portando i prodotti sugli scaffali di migliaia di punti vendita e assecondando il lento ma costante aumento della domanda da parte del mercato. Per la precisione sono 2.792.957 i pallet messi in circolazione tra aprile e giugno e complessivamente 5.401.746, se si sommano anche i dati del primo trimestre del 2018. Numeri forniti da Conlegno, Consorzio Servizi Legno Sughero, che si occupa della gestione del marchio internazionale di prodotto EPAL per l’Italia, garantendo la qualità dei pallet.

“Il marchio EPAL è sinonimo di sicurezza e affidabilità e garantisce una logistica globale efficiente – spiega Diana Nebel, responsabile Area EPAL di Conlegno – Fornisce infatti numerosi vantaggi quali stoccaggio sicuro, qualità della riparazione, conformità alle normative di riferimento nell’approvvigionamento e nell’utilizzo della materia prima legno, preservando così le risorse naturali e tutelando l’ambiente”.

In particolare, nel secondo trimestre del 2018 sono stati realizzati 1.733.229 nuovi pallet EPAL, +16% rispetto allo stesso periodo del 2017, e riparate 1.059.728 unità (+2%) per un totale di 2.792.957 pallet immessi sul mercato, il 10% in più rispetto all’anno precedente e il trimestre migliore dal 2012.

Dati che, se sommati ai primi tre mesi del 2018, parlano di una crescita complessiva del 10%, con 5.401.746 pallet totali nei primi 6 mesi del 2018 di cui 3.329.919 nuovi (+19%). Ha invece subìto un lieve calo del 2% la riparazione, che conta 2.071.827 unità.