SUL MERCATO ARRIVANO I KIWI A MARCHIO SOLARELLI

L’alta qualità italiana per il kiwi esiste ed è ben riconosciuta dai consumatori. Tra questi i kiwi Solarelli®, raccolti tra fine ottobre e la prima decade di novembre nelle aree più vocate d’Italia (Emilia Romagna, Lazio e Veneto), oggi disponibili sul mercato nel pieno delle loro qualità.

I soci produttori di Apofruit, titolari del marchio Solarelli®, coltivano i kiwi seguendo un rigido disciplinare di produzione finalizzato ad esaltare la bontà dei frutti.

“Il kiwi” – dichiara Gianluca Casadio, Responsabile Marketing di Apofruit –  “è l’ultimo prodotto dell’anno a marchio Solarelli® ed è presente sul mercato per un periodo molto lungo che va da dicembre a maggio/giugno.  Ha ottenuto uno straordinario gradimento da parte del pubblico che trova un prodotto con caratteristiche ottimali, garantite sempre.”

Solarelli® è uno dei brand di alta qualità dell’ortofrutta più conosciuto e ricercato d’Italia ed i suoi valori incontrano perfettamente le richieste dei consumatori, per il loro legame con la produzione italiana, la tipicitàà, la qualità, il gusto e il sapore sempre garantiti.

“Oggi con i kiwi Solarelli®,” – conclude Gianluca Casadio  –  “completiamo una campagna 2018 di grande soddisfazione e siamo sempre più consapevoli che la qualità garantita dal nostro marchio è una scelta vincente”.

COME SI OTTIENE L’ALTA QUALITÀ DEL KIWI?

I produttori del kiwi a marchio Solarelli® sono seguiti in tutte le fasi di coltura e coltivazione dai tecnici di Apofruit.

Per fare kiwi di alta qualità occorre una grande attenzione in campo, con le giuste lavorazioni del terreno che arieggiano le radici, l’apporto di sostanze nutritive indispensabili per ottenere un’ottima qualità, la potatura delle piante fatta in più fasi per favorire la fruttificazione e la giusta dimensione dei frutti.

Occorre una buona esposizione al sole delle piante ed anche, ma qui purtroppo non possiamo intervenire direttamente, serve il clima giusto con piogge abbondanti in fase vegetativa e una alternanza di piogge e sole caldo in fase di accrescimento frutti.

I kiwi Solarelli® sono coltivati nel rispetto dell’ambiente e della salute dell’uomo applicando tecniche di difesa integrata, un metodo che limita l’uso dei fitofarmaci per la difesa dalle malattie al minimo indispensabile garantendo un prodotto sano e gustoso.

Dopo la raccolta, i kiwi con i requisiti Solarelli® vengono selezionati e conservati in apposite celle frigorifere costantemente monitorate.

Al momento dell’immissione sul mercato i kiwi selezionati vengono confezionati nel packaging Solarelli® e raggiungono tutti i mercati italiani.

I Solarelli® si conservano a lungo anche a casa, se riposti in frigorifero, ma possono essere consumati appena acquistati perché sono maturi al punto giusto, tanto da poterli mangiare con il cucchiaino come uno snack salutare.

La varietà principale di kiwi a marchio Solarelli® è la Hayward, una varietà storica, a polpa verde.

COME SCEGLIERE LA QUALITÀ AL MOMENTO DELL’ACQUISTO

• Le dimensioni contano. I frutti di dimensione/calibro medio alto sono, in genere più buoni perché sono quelli con una concentrazione maggiore di sostanza nutritiva ricevuta dalla pianta.
• Controllare la buccia: Per essere buono il kiwi deve avere la buccia omogenea e priva di raggrinzimenti o alterazioni di olore. Esercitando una lieve pressione del pollice sul frutto deve risultare mediamente cedevole, segnale di piena maturità ma non di sovramaturazione.
• Conservarlo al meglio: il kiwi matura naturalmente a temperatura ambiente, meglio se vicino a mele o pere. È un frutto che  gli scienziati definiscono climaterico che, una volta raccolto, continua il suo processo di maturazione raggiungendola dopo pochi giorni.
• A piena maturazione si conserva in frigorifero: È possibile conservare i kiwi a temperatura ambiente per qualche giorno per far loro raggiungere la maturazione ideale, oppure in frigorifero, una volta maturo  per qualche giorno in più  all’interno di una busta di carta.

IL KIWI, FRUTTO VIRTUOSO 

Il kiwi è uno dei frutti più ricchi di vitamina C, persino più di alcune arance, per questo è un importante alleato contro le malattie da raffreddamento e influenzali e aiuta ad aumentare le difese immunitarie.

Due kiwi al giorni apportano ben 125 mg di vitamina C e, se consideriamo che il fabbisogno giornaliero è di 85 mg per le femmine e 105 mg per i maschi ci rendiamo conto di quanto sia importante il consumo di questo frutto per tenere lontane le malattie di stagione.
È un frutto povero di calorie, solo 44 calorie per 100 grammi ed è quindi perfetto per dimagrire, anche perché è molto ricco di fibre ( 2,2 grammi per 100g di frutto).
e si sa che la fibra è un elemento fondamentale per il benessere dell’intestino.
Tra gli altri elementi fondamentali presenti nel kiwi ricordiamo il potassio (400 mg ogni 100 g) ma anche altri importanti Sali minerali come il calcio, il ferro, il fosforo e il magnesio.

AMBASCIATORE DELL’ITALIA NEL MONDO

Il kiwi ha una storia curiosa. È un frutto di origini asiatiche, introdotto poi in Nuova Zelanda dove è stato selezionato e coltivato con successo. Giunto in Italia, negli anni settanta, ha trovato condizioni ambientali e produttive perfette tanto da diventare un prodotto simbolo dell’ortofrutta italiana esportato in tutto il mondo.

Oggi l’Italia è leader di produzione di kiwi per l’Emisfero Nord ed esporta con successo questo frutto in 70 paesi del mondo tra cui  anche la  Cina, da dove era partito.