PROTAGONISTI, DE CASTRO A 360 GRADI SU PRATICHE SLEALI, REGOLAMENTO OMNIBUS, PAC

Dalla direttiva comunitaria contro le pratiche commerciali sleali nel settore alimentare, al primo anno di applicazione del regolamento Omnibus, fino alla prossima riforma della Politica agricola comune (Pac). Sono le tre grandi direttrici sulle quali si incentra l’attività svolta in ambito europeo, ma con importanti ricadute positive a livello nazionale, e veneto, dal vicepresidente della commissione Agricoltura del Parlamento Ue, Paolo De Castro (nella foto), che venerdì pomeriggio ha aperto i lavori dell’evento “Protagonisti dell’ortofrutta italiana – Oscar dell’ortofrutta”, all’Hilton
Molino Stucky di Venezia, organizzato dal Corriere Ortofrutticolo e giunto alla settima edizione.

De Castro, già ministro delle Politiche agricole ed europarlamentare del Gruppo S&D, ha ricordato che sulla direttiva contro le pratiche commerciali sleali (di cui lo stesso De Castro è relatore) è già stato raggiunto l’accordo politico il 19 dicembre scorso e che ora è atteso il voto finale del Parlamento europeo per la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. Il provvedimento rappresenta un importante baluardo nella regolazione dei mercati e nei rapporti contrattuali tra agricoltori, singoli o associati, e le catene della Grande distribuzione organizzata, con importanti benefici anche per i cittadini-consumatori. Con la legge di recepimento nazionale sarà istituita un’Autorità di contrasto alla quale tutti i produttori, o le loro associazioni, potranno rivolgersi – anche in modo anonimo – in presenza di pratiche abusive da parte delle catene distributive. Tra queste, pagamenti ritardati oltre 60 giorni per i prodotti consegnati cancellazione last minute di accordi di fornitura per merce invenduta, vendite sotto costo e 3×2, purtroppo ancora molto diffuse.