MACCHINARI, FUTURA RILANCIA SULL’EXPORT GUARDANDO ALL’ASIA. LE NOVITÀ DEL 2019

La propria vocazione è l’export, che rappresenta il 90% del fatturato, di cui il 70% proveniente da Paesi extra Ue. E per il 2019 rilancia, “dopo un 2018 di grandi successi, anche grazie alla costante spinta e relativa penetrazione del nostro settore commerciale, sempre alla ricerca di nuovi mercati e partner locali all’altezza, considerando che ad oggi abbiamo stabili partnership in tutto il mondo e in Paesi come India, Egitto, Israele, Russia, Marocco, Emirati Arabi”. È fiducioso Omar Papi, dell’azienda Futura srl, società specializzata nella progettazione e produzione di impianti per la selezione e il confezionamento di frutta e ortaggi.

“Stiamo prestando molta attenzione a Paesi del CSI (Comunità degli Stati Indipendenti, tra cui sono compresi oltre alla Federazione Russa anche Armenia, Azerbaijan, Bielorussia, Ucraina, Kazakistan, Kirghizistan, Moldavia, Tagikistan, Uzbekistan, Turkmenistan, ndr), come Uzbekistan, Kazakhstan e Tagikistan”, spiega Papi. “A dimostrazione di ciò sono le fiere che ci hanno visti partecipi come espositori: AgroExpo in Uzbekistan nel mese di maggio, AgroWorld, in Kazakhstan, a fine ottobre e infine YugAgro a novembre, in Russia, Krasnodar”.

Nel corso del 2018 Futura ha inoltre aperto una filiale in Sud Africa, “Futura SA”. “Si tratta di un Paese molto attivo da tempo nella produzione, calibrazione e confezionamento ad alti livelli, per la maggior parte della frutta prodotta nel centro sud dell’Africa. Le prime consegne in questo Paese avverranno a inizio 2019”.

In Europa il giro d’affari è sviluppato in particolare nella penisola iberica, che rappresenta circa il 25% del fatturato: “da segnalare, nel corso del 2018, la fornitura di tre grandi impianti, uno in Catalogna per mele e paraguaio, uno nella regione di Murcia, specifico per albicocche, e l’ultimo per peperoni nell’area di Almeria”, annuncia Papi. “Anche il mercato italiano, primariamente del centro-sud, nel 2018 si è dimostrato molto attivo, nonostante la percentuale non superi il 15%, per drupacee e clementine”.

ll fatturato totale del 2018, affermano da Futura, è aumentato a doppia cifra rispetto il 2017, con circa un +25%. “Per quanto riguarda il 2019 abbiamo già chiuso diverse commesse che ci fanno ipotizzare un consolidamento nei mercati in cui siamo già presenti, puntando a una copertura anche in nuove aree come Armenia, Georgia, Pakistan, Turchia, Azerbaijan e Paesi più lontani come Vietnam e Cambogia, dove porteremo i primi prodotti Futura già dal secondo semestre del 2019”, aggiunge Papi. “Per tutti questi motivi, per il 2019 ci aspettiamo un ulteriore incremento del fatturato di almeno un 15-20% rispetto il 2018”.

“Questa importante crescita è risultata possibile anche grazie all’innovazione e all’ampliamento delle nostre tecnologie. La nostra filosofia è di produrre e consegnare linee di altissima qualità, ma allo stesso tempo di facile utilizzo, senza dimenticare il costante monitoraggio da parte del nostro staff tecnico in remoto, tramite un semplice accesso internet”. “Oltre alle tecnologie specifiche per selezionare prodotti “standard” come kiwi, agrumi, mele e pesche ci stiamo spingendo a frutti più tropicali come mango, avocado, dragon fruit e datteri, uno dei prodotti sotto la nostra “lente di ingrandimento” per il 2019”, continua l’imprenditore a capo dell’impresa cesenate.

“Una delle novità del 2019, a livello tecnologico, sarà il sistema di rilevamento di qualità esterna e difetti per la maggior parte dei prodotti ortofrutticoli, che permetterà ai nostri clienti una notevole riduzione di manodopera. Abbiamo aspettato qualche anno in più rispetto ai nostri competitor nell’introdurre questa tecnologia nel mercato, poiché volevamo avere un sistema non solo efficace, ma soprattutto di facile utilizzo e settaggio”.

Fruit Logistica 2019 a Berlino sarà un punto d’incontro con tutti i collaboratori provenienti da tutto il mondo “sia per condividere le nostre strategie commerciali e tecniche, ma soprattutto, per ascoltare le loro necessità”.

Futura sarà a Fruit Logistica al Padiglione 3.1 – stand A02.

Sito web: futura-grading.com