SCONTRI AL MERCATO DI FIRENZE, I GROSSISTI: “NOI ESTRENEI AI FATTI”

“Visti i fatti accaduti lo scorso 9 aprile all’interno del Centro alimentare polivalente di Firenze (Mercafir), l’Associazione grossisti ortofrutticoli Firenze (Agofi – Fedagro Firenze) chiarisce che gli operatori grossisti del Mercato sono completamente estranei al fatto accaduto, che riguarda un episodio sporadico senza alcun precedente”.

I grossisti fiorentini intervengono in merito all’episodio della scorsa settimana quando alcune persone coinvolte sono infatti “entrate senza alcun titolo all’interno di Mercafir con il chiaro intento di trafugare merci, a discapito degli acquirenti, in maniera da poterle rivendere in modo altrettanto illecito. Tutti gli attori del Mercato fanno fronte comune contro questi personaggi, le cui azioni riflettono un’immagine inaffidabile, ingiusta e negativa della realtà fiorentina ma in generale di tutta una categoria, svilendo profondamente la professionalità di tutto il settore, caratterizzato invece da imprenditori onesti e lavoratori esperti. Agofi, con il supporto di Fedagromercati Nazionale, ribadisce che nessun associato è coinvolto nei fatti citati e, di comune accordo con l’ente gestore, si lavorerà insieme per aumentare i sistemi di sicurezza della struttura affinché non avvenga più nessun accesso fraudolento, per la sicurezza di tutti”.

Sulla vicenda interviene anche il presidente di Fedagromercati nazionale Valentino Di Pisa: “Come presidente di Fedagromercati voglio esprimere il totale appoggio alla realtà di Firenze e la nostra disponibilità a supportare gli enti gestori di tutti i mercati italiani che vogliano puntare sulla promozione della sicurezza nei mercati: in ogni realtà italiana i grossisti sono i primi interessati a far si che sistemi di sicurezza adeguati siano presenti nelle strutture in cui lavorano ogni giorno e per questo motivo siamo a completa disposizione delle amministrazioni per evitare che episodi come quelli del 9 aprile, diffusi in tutto il paese seppur in modo sporadico, non accadano più”.