UNICOOP FIRENZE TOGLIE LA PLASTICA MONOUSO DAGLI SCAFFALI

L’ambiente non è usa e getta: per questo, dal 1° giugno, Unicoop Firenze toglie dagli scaffali piatti, bicchieri e posate di plastica. In numeri, 80 milioni di piatti, 90 di bicchieri e 50 di posate, per un totale di 220 milioni di pezzi l’anno, pari a 1.500 tonnellate di plastica in meno a carico dell’ambiente.

Lo stop al monouso inquinante batte sul tempo tutti e anticipa in concreto la direzione di marcia indicata dall’Europa che, lo scorso marzo, ha approvato una direttiva con cui, dal 2021, mette al bando sul territorio europeo alcuni oggetti di plastica monouso, che costituiscono il 70% di tutti i rifiuti marini. Se questa è la direzione da seguire per aiutare l’ambiente, Unicoop Firenze lo fa da subito, per alleggerire l’impatto su terra e mare e coinvolgere i consumatori, che daranno il loro contributo per un ambiente più pulito.

La scelta di togliere dagli scaffali i prodotti monouso è strategica per la cooperativa, che in questo modo sceglie di stare dalla parte dell’ambiente. L’impegno di Unicoop Firenze sui temi ambientali è storico e va ben oltre la logica dell’utile. L’obiettivo è quello di modificare i comportamenti dei consumatori. Così è successo, ad esempio, per quanto riguarda le buste per la spesa. Anche in questo caso Unicoop Firenze ha anticipato la legge che obbligava a sostituire la plastica con il mater-bi ed ha favorito nei consumatori la consapevolezza dell’importanza di evitare la plastica. Non è un caso se oggi oltre il 70% dei soci e clienti Unicoop Firenze fa la spesa con la borsa riutilizzabile.

Con l’eliminazione dei prodotti monouso in plastica dalla vendita, la cooperativa adotta una visione di lungo termine e persegue il fine di “soddisfare i bisogni senza forzare i consumi” così come già successo nel caso delle domeniche. La scelta di Unicoop Firenze di tenere chiusi i punti di vendita in dieci festività e di aprire la domenica solo la mattina solo una parte dei negozi rispecchia la scelta di salvaguardare dei valori che vanno oltre la logica del profitto.

La scelta di Unicoop Firenze rispetto alla plastica usa e getta segue anche il successo del progetto Arcipelago Pulito, che ha dimostrato come sia possibile promuovere ed affermare buone pratiche ambientali, come nel caso dei pescatori che, durante i mesi della sperimentazione, hanno potuto riportare a terra i rifiuti raccolti durante l’ordinaria attività di pesca. Ora che Arcipelago Pulito sta diventando legge nazionale, dopo l’approvazione in Consiglio dei Ministri del disegno di legge SalvaMare, la cooperativa si conferma capofila delle scelte per l’ambiente.