MISSIONE OMNIBUS A PARIGI. ULTIME ORE PER ADERIRE

Ultime ore per l’adesione alla missione di fine mese a Parigi di Omnibus, l’agenzia specializzata nella promozione e nei contatti finalizzati all’espansione del business dell’ortofrutta italiana sui mercati esteri. La missione è programmata per i giorni 26, 27 e 28 giugno prossimi ed è focalizzata su Rungis (nella foto l’interno del centro agraolimentare), il più grande mercato all’ingrosso del mondo, secondo in Europa per la movimentazione della sola ortofrutta dopo Barcellona.

Il quartier generale del Mercato di Rungis

La missione prevede il trasferimento dall’Italia a Parigi nel pomeriggio-sera di mercoledì 26, una visita guidata al settore ortofrutta di Rungis la mattina di giovedì 27, seguita da una presentazione del commercio all’ingrosso dell’ortofrutta nella capitale francese, in particolare per i prodotti di importazione, da parte di un alto rappresentante del Sindacato dei Grossisti parigini di ortofrutta (SFL) e da incontri B2B con aziende di importazione che hanno manifestato un esplicito interesse ai rapporti con gli esportatori italiani. La serata del 27 è libera. Il rientro in Italia è fissato per venerdì 28 giugno, non prima di aver visitato alcuni punti vendita selezionati. Lo staff di Omnibus è ancora al lavoro per stabilire alcuni incontri fuori da Rungis con distributori e operatori dell’horeca. Vengono garantiti 5 incontri business per ogni azienda italiana partecipante.

Il reparto ortofrutta di un punto vendita di Delhaize

La più recente missione di Omnibus si è svolta a Bruxelles, con tappa a Città di Lussemburgo, dal 22 al 24 maggio scorsi. Ha visto la presenza di un numero ristretto ma molto qualificato di esportatori italiani di prodotti di eccellenza, dall’arancia rossa al fico d’India dell’Etna, dalle mele biodinamiche, comprese le nuove varietà a polpa rossa (Red Moon), al radicchio rosso tardivo di Treviso, prodotti in grado di attirare l’attenzione anche di grandi gruppi della distribuzione come Delhaize (oltre 850 supermercati in Belgio), il cui responsabile generale acquisti ortofrutta si è soffermato a lungo con la delegazione italiana richiedendo e ottenendo tutte le informazioni utili ad avviare un programma di forniture nei periodi più favorevoli dell’anno. Ma anche importatori qualificati come Van Lier, Van Dijk, Teughels, W. Jonckheere, Amoroso e altri si sono mostrati molto interessati all’offerta italiana di qualità (sui prodotti di base spuntarla sugli spagnoli è molto difficile). Infine, la tappa in Lussemburgo, con l’incontro con il re dell’horeca nel Granducato, l’azienda La Provencale, ha pure offerto indicazioni interessanti agli italiani.
Tornando a Parigi, la missione cade in giorni particolarmente indicati per sviluppare il business dell’uva da tavola di stagione sul mercato della capitale francese ma l’interesse è vivo anche per altri prodotti, a partire dai tipici prodotti estivi oltre che per le insalatine da IV Gamma.