ASIA FRUIT LOGISTICA CONFERMATA A SETTEMBRE MA I TIMORI RIMANGONO

Analizzate le risposte al sondaggio-lampo che avevano lanciato tra gli espositori solo pochi giorni fa, gli organizzatori di Asia Fruit Logistica hanno annunciato oggi la loro decisione di confermare Asia Fruit Logistica dal 4 al 6 settembre prossimi e l’Asiafruit Congress il 3 settembre malgrado l’incertezza della situazione a Hong Kong, causa le dimostrazioni contrarie alla crescente influenza cinese sulla città-Stato asiatica, per lunghi anni colonia britannica.

In 72 ore di sondaggio, la netta maggioranza degli espositori si è detta contraria allo spostamento della fiera nella seconda metà di dicembre, come proposto pochi giorni fa dagli organizzatori. La principale motivazione alla conferma delle date è la seguente: la situazione nella metropoli asiatica è imprevedibile nei suoi sviluppi per cui non ha senso oggi pensare che a dicembre la situazione sarà migliore. Una motivazione per la verità debole. Ci sono buone ragioni per ritenere che se gli organizzatori avevano proposto di posticipare la fiera avessero valide motivazioni-informazioni per farlo. Gli organizzatori infatti sono bene introdotti in Cina e possono avere notizie di prima mano da fonti attendibili.

La preoccupazione che ci saranno meno visitatori è stata parzialmente smentita. Rispetto al 2018, stando al team di Asia Fruit Logistica, il calo dei visitatori potrà variare da un minimo del 5 a un massimo del 20 per cento.

Contestualmente alla conferma della manifestazione nelle date prestabilite, gli organizzatori hanno diffuso un decalogo sulla sicurezza, e non solo, di chi sarà presente in fiera: prestare attenzione a eventuali modifiche negli orari dei voli ‘per’ e ‘da’ Hong Kong, evitare assembramenti durante la permanenza, prestare attenzione a possibili modifiche nel traffico e negli spostamenti interni a terra, prestare attenzione alle notizie provenienti dalle autorità locali, consultare gli organi di informazione locali, non vestire di nero o di bianco, tenere ben stretto a sé il passaporto, alloggiare in alberghi quanto più possibile vicini alla sede della fiera, tenersi aggiornati sulle novità attraverso lo stesso sito della fiera.

Insomma, Asia Fruit Logistica ci sarà ma sarà un’edizione speciale oltre ogni previsione. A dare per primo la notizia della conferma delle date è stato Chris White (a sinistra nella foto), managing director di Fruitnet Media, con due righe postate sui social poco prima del mezzogiorno di oggi. E’ seguito un comunicato diffuso a tutti gli espositori. Proprio Chris White è diventato un grosso esperto di Cina grazie ai suoi lunghi soggiorni, negli anni recenti, nel grande Paese del  Far East, soggiorni finalizzati anche a mettere a punto l’edizione di Shanghai: China Fruit Logistica. Gli sviluppi ad Hong Kong sono comunque per tutti, anche per Chris, imprevedibili, per cui non è da escludere che in futuro Asia Fruit Logistica possa trasferirsi altrove, per esempio a Singapore, anche per lasciare maggiore spazio allo sviluppo dell’edizione cinese di Shanghai.