A THE ROME TABLE (7-8 NOVEMBRE) PARTECIPA ANCHE LA GDO ITALIANA

Si svolgerà all’A.Roma Lifestyle Hotel, dal 7 all’8 novembre prossimi, la terza edizione di ‘The Rome Table – Fresh World B2B Meetings’, la due giorni dedicata al business ortofrutticolo e ai contatti con i buyer esteri, organizzata dall’agenzia specializzata Omnibus. L’evento prevede quest’anno anche la presenza di alcune catene della grande distribuzione italiana desiderose di valutare eventuali nuovi fornitori. I Paesi esteri su cui si sta concentrando il lavoro di Omnibus sono quelli del Nord e dell’Est Europa, il mondo arabo (in particolare Arabia Saudita ed Emirati), il Sudamerica (in particolare il Brasile) senza dimenticare Austria, Belgio, Francia, Spagna e Svizzera, oltre al Far East. Il lavoro di ingaggio dei buyer, avviato poco prima dell’estate, terminerà tra la fine di settembre e la prima settimana di ottobre.
La formula è quella delle prime due edizioni: buyer selezionati e qualificati da una parte e aziende italiane della produzione e del commercio ortofrutticolo dall’altra siedono attorno a un tavolo per una reciproca conoscenza e per stabilire accordi di comune interesse. Ogni incontro è riservato, programmato in anticipo dagli organizzatori secondo un preciso calendario che viene diffuso una settimana prima dell’evento, e dura 20 minuti. Ogni azienda italiana può avere da un minimo di 10 a un massimo di 20 incontri programmati, da essa stessa prescelti attraverso l’elenco buyer (25 esteri e 5 italiani) fornito dall’organizzazione. Gli incontri ai tavoli si susseguono per due giorni e nei momenti comuni (coffee break, light lunch, aperitivo) le aziende aderenti hanno l’opportunità di fare comunque matching con tutti i presenti. Si instaura così una vera e propria business community. Non ci sono in Italia altre iniziative del genere riservate al settore ortofrutticolo: una formula agile, senza discorsi, seminari e altro, solo un grande meeting d’affari durante il quale viene garantito il massimo di confort e un’organizzazione efficiente. Senza scomodarsi in difficili trasferte internazionali dagli esiti incerti, il mondo sarà a Roma a portata di mano e già si sa che la curiosità tra i buyer è forte per le specialità ortofrutticole italiane malgrado il difficile momento dell’export.
Lo staff di Omnibus ha affinato la sua esperienza dopo le prime due edizioni e ha preso tutte le contromisure perché tutto si svolga nel migliore dei modi. Le iscrizioni all’evento sono aperte. Il costo è di euro 1.000 + Iva ad azienda che scende a 900 se l’azienda aderisce ad una delle organizzazioni partner, che sono FruitImprese, Italia Ortofrutta Unione Nazionale, CSO Italy, Confagricoltura, Italmercati e Fedagromercati. Su richiesta le aziende hanno la possibilità di acquistare un corner espositivo collocato lungo le pareti della sala di servizio dove avvengono coffee break e light lunch. L’esposizione ha un costo di 600 euro + Iva.
Nel corso dell’estate sono giunte a Omnibus le prime adesioni da parte dei buyer esteri. Si tratta di aziende particolarmente significative dal mondo arabo e dalla Scandinavia. Prima adesione da parte della GDO italiana è stata quella di CONAD.
Tra i sostenitori dell’evento, per il secondo anno consecutivo, Euler Hermes, la compagnia di assicurazione del credito del gruppo Allianz, presente in cinque continenti e in oltre 50 Paesi in tutto il mondo.

 

Omnibus Comunicazione and Business Promotion
via Fiordiligi, 6 – 37135 Verona
+39.0458352317