DAZI, DE CASTRO: “SUBITO UN PERIODO DI TRANSIZIONE PER EVITARE SHOCK COMMERCIALI”

“Prima dell’applicazione dei dazi, come primo passo serve subito un periodo di transizione sufficientemente lungo per scongiurare shock commerciali immediati per i nostri produttori e l’avvio delle procedure necessarie all’attivazione della riserva di crisi prevista dalla Politica agricola comune per fare fronte a queste situazioni”. E’ quanto chiede a gran voce Paolo De Castro (nella foto), coordinatore S&D  alla commissione Agricoltura del Parlamento europeo, intervenendo in Plenaria a Bruxelles con il commissario Carlos Moedas.

Le nostre esportazioni sono sotto attacco, e lo sono ancora di più le nostre produzioni agroalimentari – spiega l’europarlamentare Pd – prodotti di eccellenza che dopo la crisi dovuta all’embargo russo devono pagare ancora una volta il conto di rappresaglie commerciali decise da altri. Vista la situazione emergenziale, non possiamo farci cogliere impreparati”. Da qui la domanda di De Castro alla commissaria Malmstroem su “quale strategia abbia previsto per evitare una crisi di mercato che colpirebbe gravemente il sistema agroalimentare dell’Unione”.

“Servono scelte ambiziose aggiunge il coordinatore S&D della Comagri – per proteggere adeguatamente produzioni strategiche, sia da un punto di vista economico, che occupazionale e sociale”.