ASPARAGI, METÀ DELLA PRODUZIONE MONDIALE ALL’INTERNATIONAL ASPARAGUS DAYS

Ad Angers al Parc des Expositions si è svolta la terza edizione dell’International Asparagus Days. L’evento, fortemente specialistico, ha accolto 1000 partecipanti, mettendo insieme circa il 50% della produzione mondiale della filiera, generando un ottimo volume d’affari. Ad organizzarlo sono stati Sival, salone internazionale delle tecniche di produzione orticola specializzata, in sinergia con Macfrut, fiera internazionale dell’ortofrutta, insieme a Christian Befve, esperto di livello mondiale dell’asparago in team con Luciano Trentini.

Un format unico

L’International Asparagus Days è prima di tutto un format di esposizione unico nel suo genere, che ha permesso ai visitatori di addentrarsi concretamente al centro della filiera dell’asparago: un salone espositivo con 80 imprese internazionali presenti; un’area di 500 mq all’interno del salone con dimostrazioni di macchinari su collinette di terra; un ciclo di conferenze riguardanti le sfide future, con focus su produzione e consumi; visite tecniche sul campo, a cui hanno preso parte circa 400 visitatori del bacino di produzione delle imprese innovatrici della valle della Loira (Langevine e Fleuron d’Anjou) e dell’Aquitania (Lebourg e Planasa).

Grazie ad un momento dedicato, il programma ha permesso di concentrarsi sul know-how e le innovazioni di portata mondiale per offrire ai visitatori una visione a 360° della filiera dell’asparago. Per gli espositori si è confermato il format ideale per sviluppare opportunità commerciali.

Una forte presenza internazionale

L’International Asparagus Days ha visto al suo interno una trentina di nazionalità presenti (Europa, Eurasia, America Latina, Nord America, Africa). La forte presenza internazionale tra gli espositori e i visitatori è una delle caratteristiche chiave di questo evento.

Scambi di qualità

L’International Asparagus Days è stato un momento di scambio ad “alto valore aggiunto”. Come evidenzia Christian Befve, “questa manifestazione professionale ha consentito ai player del settore, distanti migliaia di chilometri, di sfruttare un momento unico per potersi incontrare, creare dei legami duraturi e operare di concerto per l’equilibrio della filiera. Una scommessa che è stata vinta”.

Di rilievo la serata del networking organizzata il martedì sera che ha ulteriormente contribuito a rafforzare gli scambi e i legami tra i diversi paesi. 300 presenze a questo momento conviviale, al cuore del patrimonio angioino.

La terza edizione dell’International Asparagus Days si chiude positivamente, con la soddisfazione di aver portato a ciascuno degli attori presenti delle opportunità di incontro durature, delle chiavi di lettura per affrontare le sfide della produzione e dei contatti preziosi per portare avanti la costruzione della filiera dell’asparago con uno sguardo internazionale.