FRANCIA, BOOM DELLE VENDING MACHINE. “UNA RIVOLUZIONE PER LA VENDITA DI FRUTTA”

Con il sistema operativo brevettato da Filbing Distribution, si rivoluziona in Francia la vendita diretta e l’e-commerce di frutta e verdura fresche, inclusi i prodotti di IV gamma.

Didier Filbing, imprenditore di Rohrwiller, nel dipartimento del Basso Reno, regione del Grand Est, ha brevettato (e dal 2018 messo in commercio), delle vending machine suddivise in contenitori (box), una sorta di credenza a scomparti che possono contenere fino a 25 kg di prodotto per ciascun box.

“Sono stati progettati – ci spiega Filbing, fondatore di Filbing Distribution che abbiamo incontrato al Sival di Angers che si è concluso la settimana scorsa – per essere installati nelle aziende agricole oppure nei vicini centri urbani. L’importante è che siano vicini ad un parcheggio auto. In meno di due anni già 500 aziende agricole usano le nostre macchine per la vendita diretta e, da poco, siamo in trattativa anche con alcune catene di supermercati per installarle nei loro reparti di ortofrutta”.

Didier Filbing

Le venging-machine Filbing, che possono essere con o senza catena del freddo, hanno un display sulla parte anteriore, accanto alle vetrinette dei prodotti, attraverso il quale gli acquirenti possono selezionare e comprare la frutta o la verdura che desiderano. Con questo sistema, il prezzo finale non è caricato di alcun tipo di costi di intermediazione e permette al produttore di recuperare l’erosione dei margini data dalla catena di fornitura tradizionale.

Questo innovativo sistema di distribuzione si sta sviluppando alla velocità della luce anche se non è ancora un vero e proprio concorrente dei canali tradizionali che assorbono la produzione dei circa 350mila produttori francesi complessivi.

“L’ultima macchina sviluppata ha un sistema operativo connesso a Internet h24 – precisa Filbing –. I consumatori possono effettuare gli ordini attraversi un’App sul cellulare che permette di accedere al sito dell’azienda agricola che noi stessi creiamo per permettere all’imprenditore agricolo di avviare l’e-commerce. Contemporaneamente, sempre attraverso l’App, il produttore sa cosa c’è sugli scaffali e cosa va ricaricato. Si tratta di dati che possono essere trasferiti, in tempo reale, su un file di excel per aiutare il processo decisionale dell’azienda non solo dal punto di vista distributivo ma anche produttivo”.

Mariangela Latella