CORONAVIRUS, PRIME DEFEZIONI A FRUIT LOGISTICA

GLi effetti della psicosi da coronavisurs sta colpendo anche il mondo dell’ortofrutta. A due giorni dalla partenza dell’edizione 2020 di Fruit Logistica a Berlino, sale la preoccupazione degli operatori internazionali e italiani sul virus. A tal punto che i sono già state le prime rinunce a partecipare alla principale fiera ortofrutticola mondiale. Dopo l’allerta lanciata dall’OMS, Organizzazione Mondiale della Sanità, tra i primi a fare un passo indietro e decidere di non inviare nessun dipendente e collaboratore alla kermesse berlinese, è stata la multinazionale International Paper. Ma sono attese altre cancellazioni dell’ultimo momento da parte di altri gruppi e imprese nazionali ed estere, che non se la sentono di rischiare.

Ormai certa l’assenza degli operatori cinesi anche a causa dell’interruzione dei voli da e per il Paese della Grande Muraglia.

Nel frattempo ieri la fiera di Berlino ha emesso una nota in seguito all’aggiornamento dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, le autorità sanitarie dello Stato di Berlino hanno consigliato a Messe Berlin di richiedere direttamente ai partecipanti che appartengono al così definito “gruppo a rischio del nuovo coronavirus” di non partecipare a Fruit Logistica.

Questa richiesta si applica a chi:
– ha viaggiato nella provincia di Hubei negli ultimi 14 giorni
– ha avuto contatti con una persona con un’infezione confermata da coronavirus
– ha sintomi tipici (febbre, tosse, fiato corto).

“Se appartenete al suddetto gruppo a rischio (indipendentemente dalla nazionalità), vi invitiamo a non partecipare a Fruit Logistica di quest’anno per motivi di salute pubblica e di tutela della salute” si legge in una nota del 2 febbraio, rilasciata da Messe Berlin.

“Secondo le ultime informazioni dell’autorità sanitaria dello Stato, l’infezione può essere stata contratta anche da una persona che non mostra ancora alcun sintomo – continua la nota –. Pertanto è importante che si sappia che anche persone sane possono essere un rischio per gli altri se hanno avuto contatti con persone malate o sono state nella provincia di Hubei negli ultimi 14 giorni”.

“Rimaniamo in stretto contatto con le autorità sanitarie dello Stato di Berlino. Siate certi che la sicurezza dei nostri partecipanti a Fruit Logistica ha per noi la massima priorità e che stiamo prendendo tutte le necessarie misure precauzionali”.