DL DEL GOVERNO, PALLOTTINI: “BENE, ORA SOSTENERE INGROSSO E DETTAGLIO”

“Bene le azioni di tutela del Made in Italy agroalimentare nel mondo con l’introduzione di sanzioni contro pratiche commerciali sleali che colpiscono le nostre imprese e i nostri prodotti, danneggiandone la reputazione – sottolinea Fabio Massimo Pallottini (nella foto), presidente di Italmercati -. Così come la garanzia della liquidità alle imprese agricole per estinguere i debiti bancari attraverso mutui a tasso zero. Prendiamo atto positivamente delle dichiarazioni della Ministra Teresa Bellanova che si è impegnata a sostenere ulteriormente i settori dell’agricoltura e agroalimentare italiani per non bruciare le ottime performances registrate in questi anni e impedirne l’esposizione a ogni forma di ricatto commerciale e di concorrenza sleale (leggi news). Nei prossimi provvedimenti chiediamo però una maggiore attenzione al settore del commercio all’ingrosso e al dettaglio: le imprese di questo settore – pensiamo ad esempio alle ricadute collegate al segmento Horeca – stanno soffrendo al pari del comparto turistico e hanno necessità di forme di finanziamento e modifiche alle scadenze fiscali e contributive”.
Intanto la settimana per i Mercati italiani si è conclusa con vendite e prezzi stabili sul fronte dell’ortofrutta. A Padova un leggero calo dell’export riequilibrato dall’aumento di vendite sul mercato locale anche ai supermercati che hanno avuto carenza di rifornimento di alcuni prodotti. A Genova scambi commerciali nella media, prezzi in flessione, forte richiesta della GDO a inizio settimana, impatto negativo dal settore Horeca. A Torino il mercato ha sempre aperto regolarmente: la settimana passata non si e’ scostata significativamente dalla media stagionale sia per quanto concerne il numero di accessi al mercato sia per la quantità di merce venduta.
A Verona settimana regolare per quantitativi movimentati e accessi al mercato; vendite maggiori lunedì e martedì fatto salvo la mancata fornitura alle scuole con quantitativi però non significativi.
In Sardegna il Mercato di Cagliari ha svolto la sua attività regolarmente ma la settimana appena trascorsa è stata sicuramente la peggiore da quando il mercato ha aperto sia in termini di affluenza che di volumi venduti. Gli operatori temono gli effetti negativi per la stagione turistica ormai alle porte anche se in Sardegna – occorre ricordarlo – non si è registrato nessun caso di coronavirus.
A San Benedetto del Tronto il mercato non ha subito grandi oscillazioni, ma ci sono preoccupazioni per la stagione estiva. ” Siamo già stati penalizzati in passato per il terremoto – sottolinea Francesca Perotti, amministratore delegato del Centro Agroalimentare Piceno -. Avere una nuova situazione di panico, proprio in questo periodo dove si avvia la promozione per l’estate, è penalizzante. Mi auguro che le misure restrittive prese nella nostra regione siano efficaci per un’ immediata ripresa”.
Rallentamento invece nel settore ittico. Qui la crisi complessiva del settore Horeca ha avuto effetti negativi sui Mercati di Milano e Roma che hanno visto una forte riduzione delle vendite visto il calo delle presenze nei ristoranti e nei locali sia dei clienti italiani che di quelli stranieri.
“Anche per i prodotti ittici occorre rimarcare come i nostri prodotti siano eccellenti e possano essere consumati  in tutta tranquillità – conclude Fabio Massimo Pallottini -. I nostri Mercati vantano per qualità e quantità un sistema di controlli sui prodotti ittici tra i migliori al mondo”.
In tutti i Mercati aderenti a Italmercati è confermata l’adozione di numerose misure precauzionali compresa l’igienizzazione rafforzata degli edifici adibiti ad attività mercatale.