BATTAGLIO SOLIDALE CON OSPEDALI E ASSOCIAZIONI. I MERCATI: “ORA SONO COSTANTI MA ANANAS PENALIZZATA”

In questo periodo di emergenza COVID-19 il gruppo Battaglio, come tutto il settore in cui opera, è stato chiamato ad affrontare un’importante sfida per garantire la sicurezza di tutto il personale attraverso l’adozione di diversi provvedimenti di ordine sanitario nel pieno rispetto delle norme previste, ed una conseguente riorganizzazione di tutte le attività aziendali.

Come azienda specializzata in importazione e distribuzione, Battaglio dipende dalla capacità di esportazione dei singoli Paesi d’origine, che finora, assicurano dall’azienda torinese, hanno continuato a lavorare a pieno regime rendendo possibile un regolare e continuo transito delle merci in import.

Tuttavia, si deve sottolineare quanto l’andamento dei consumi sia stato fluttuante nel corso dell’ultimo mese. Se, infatti, a fronte delle prime settimane il mercato ha risposto con importanti aumenti di richieste, si è assistito successivamente ad un assestamento degli acquisti, per poi verificare nuovamente una ripresa consistente in concomitanza con le feste pasquali. Risposta diversa, invece, per quanto riguarda l’andamento delle singole referenze che vanno a comporre il paniere quotidiano delle famiglie italiane. Il trend degli agrumi (arance e limoni in primis) risulta, infatti, essere costante se non addirittura in crescita, in relazione ad un maggior interesse e preoccupazione della popolazione nel rafforzare il sistema immunitario contro il virus grazie all’alto contenuto di vitamina C. Rimangono costanti anche le richieste di banane e frutta esotica (mango, papaya, avocado), mentre l’ananas è stato finora il prodotto più penalizzato per via della momentanea chiusura del canale della ristorazione.

A fronte dell’attuale emergenza nazionale, Battaglio ha voluto unirsi in queste settimane alla lotta al Coronavirus donando 100.000 euro alla fondazione de La Stampa per l’acquisto di macchinari destinati alla terapia intensiva per gli ospedali del territorio piemontese. Un modo per dire grazie a tutti gli operatori sanitari che sono in prima linea e verso i quali si è voluta esprimere la più grande vicinanza. Inoltre, l’azienda ha attivato dei premi di produzione e quotidiane donazioni di frutta a favore di tante associazioni solidali, in particolare il Banco Alimentare, al fine di dare una risposta concreta ai più bisognosi.