IL DISTRETTO DI SALUZZO CHIEDE AL PIEMONTE INTERVENTI SU MANODOPERA E CONTRIBUTI

A fronte della straordinaria emergenza causata dall’epidemia di Covid 19, i principali protagonisti del distretto della frutta del saluzzese accomunati, con diverse motivazioni, dalla preoccupazione per l’imminente stagione di raccolta, hanno condiviso l’esigenza di confrontarsi in video conferenza.

Presenti i referenti dei Comuni di Costigliole Saluzzo, Lagnasco, Saluzzo e Verzuolo, di Coldiretti, Confagricoltura, CIA, Confcooperative, Asprofrut, Jolly Fruit, Joinfruit, Lagnasco Group, Ortofruit Italia, Rivoira e Solfrutta, ne sono scaturite alcune riflessioni pienamente condivise.

Tutti i presenti hanno convenuto di sollecitare le Istituzioni regionali e nazionali affinché si facciano parte attiva per il reperimento della manodopera necessaria alla imminente stagione, nonché per garantire risposte adeguate alla domanda abitativa della manodopera stagionale.

Altra necessità è che la Conferenza Stato – Regioni affronti urgentemente il tema della defiscalizzazione dei carichi contributivi sui salari per garantire maggior equità e competitività sia a livello nazionale che europeo e liberare risorse che le aziende possano investire sull’ospitalità della manodopera.

In considerazione di quanto emerso, è stata formulata ed inviata una richiesta in tal senso al Presidente della Regione Piemonte e all’Assessore Regionale all’Agricoltura (nella foto l’assessore Marco Protopapa) sottoscritta da tutti i 15 attori presenti all’incontro (leggi qui la richiesta).