CINA: CILE PRIMO PAESE FORNITORE DI FRUTTA, ITALIA DECIMA

Secondo la Camera di commercio cinese per l’importazione e l’esportazione di prodotti alimentari, prodotti autoctoni e sottoprodotti di origine animale, le importazioni cinesi di frutta durante i primi due mesi del 2020 sono state pari a 1,02 milioni di tonnellate per un valore totale di 2 miliardi e 170 milioni di dollari, corrispondenti a una riduzione dell’11% del volume e un aumento dell’8% del valore rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

Le esportazioni cinesi di frutta durante questi primi due mesi dell’anno sono state pari a 530 mila tonnellate per un valore di 760 milioni di dollari, con incrementi di anno in anno rispettivamente dell’1% e dell’8%.

IMPORTAZIONI
Le nove principali categorie di frutta per valore di importazione durante gennaio e febbraio sono state le ciliegie fresche (1 miliardo e 170 milioni di dollari, + 32% su base annua), le banane (150 milioni di dollari, -14% su base annua), i longan freschi (128 milioni di dollari, -19% su base annua), uva fresca (97 milioni di dollari, -27% su base annua), frutto del drago (94 milioni di dollari, + 66% su base annua), mirtilli e mirtilli freschi (81 milioni di dollari, + 21% su base annua), durian freschi (66 milioni di dollari, -10% su base annua), pesche e pesche nettarine (58 milioni di dollari, + 30% su base annua) e altri frutti (48 milioni di dollari, + 63% su base annua). Queste nove categorie rappresentano l’87% del valore totale dell’importazione.

In termini di Paesi fornitori, la Camera di commercio cinese indica tra i primi 10 fornitori di frutta fresca, nei mesi di gennaio e febbraio 2020 (in ordine decrescente di valore): Cile, Thailandia, Vietnam, Filippine, Perù, Ecuador, Australia, Taiwan, Indonesia e Italia.

ESPORTAZIONI
Nei primi due mesi dell’anno le otto principali categorie di frutta maggiormente esportate sono state agrumi (257 milioni di dollari, + 2% su base annua), mele fresche (198 milioni di dollari, + 25% su base annua), pere fresche (116 milioni di dollari, + 79% su base annua), uva fresca (45 milioni di dollari, -18% su base annua), arance (21 milioni di dollari, -29% su base annua), limoni e lime (18 milioni di dollari, -13% su base annua), altri frutti (16 milioni di dollari, -7% ospedalizzati) e pompelmo (12 milioni di dollari, -53% anno su anno). Queste otto categorie rappresentano circa il 90% del valore totale delle esportazioni di frutta cinesi.

I primi dieci mercati di esportazione per la Cina in termini di valore sono stati Vietnam, Thailandia, Malesia, Myanmar, Filippine, Indonesia, Bangladesh, Hong Kong, Russia e Kazakhstan.