FIRMATE LE PRIME DUE CAMBIALI AGRARIE ISMEA. BELLANOVA: “PERCORSO IN TEMPI BREVISSIMI”

Sono state firmate oggi, alle 12, nel Salone dell’Agricoltura del Mipaaf, alla presenza del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Teresa Bellanova, e del Direttore Generale ISMEA, Raffaele Borriello, le prime due cambiali agrarie erogate dall’ISMEA nell’ambito degli aiuti straordinari alle imprese per l’epidemia Covid-19.
Una firma che arriva in tempi record grazie alla semplicità delle procedure e alle tempistiche estremamente ridotte, che hanno consentito di poter erogare i primi aiuti dopo solo una settimana dall’avvio delle procedure.

“Garantire in tempi rapidi liquidità alle aziende agricole e della pesca è, in questo momento delicatissimo per la ripresa del Paese e il rilancio delle attività, condizione fondamentale”, ha detto la Ministra Teresa Bellanova.
“La filiera alimentare in questi mesi non si è mai fermata, è vero, continuando a garantire il cibo ma questo non nasconde le enormi difficoltà di alcuni segmenti, come il florovivaismo o quelli maggiormente legati al settore ho.re.ca.
E’ importante che le aziende conoscano ed utilizzino gli strumenti messi in campo. Ed è ovviamente fondamentale la celerità garantita da Ismea nel disbrigo delle procedure. Se il tempo non è mai una variabile indipendente, a maggior ragione adesso sostenere le aziende significa consentire loro di
utilizzare rapidamente gli strumenti finanziari ed economici straordinari a loro diposizione”.

Le prime due aziende che beneficeranno di questo agile strumento finanziario di sostegno economico, che offre credito immediato alle imprese che operano nel settore agricolo, dell’agriturismo e della pesca, provengono dalla provincia di Ravenna e dalla provincia di Lecce. Riceveranno 30mila euro a tasso zero, un prestito con durata di 5 anni, di cui i primi 2 anni di
preammortamento.

Risorse che possono essere sommate al prestito bancario di 25mila euro con garanzia Ismea che le aziende agricole e della pesca possono richiedere grazie al Fondo di 100milioni istituito con il Cura Italia e implementato con ulteriori 250milioni con il Dl rilancio.