MELONI, ZERBINATI SFONDA NEGLI USA: 45 DOLLARI PER UN CHILO DI PRODOTTO

La “Ferrari dei Meloni” spopola negli Stati Uniti, venduta a peso d’oro. Qualcuno ha ribattezzato così i meloni dell’azienda agricola Zerbinati di Sermide (Mantova) che a Manhattan, a New York, ha raggiunto la quotazione stellare di 45 dollari al chilo. La cifra, è bene precisarlo, include, oltre al costo del prodotto in sé, quello del trasporto, della dogana e dei dazi voluti da Trump. Rimane il fatto che i prodotti di alta qualità negli States vengono valorizzati e pagati bene, anzi benissimo, in particolare se made in Italy. Meno volumi e più qualità. Questa la filosofia dell’azienda mantovana, guidata da Oscar Zerbinati, 34 anni.

Per l’impresa lombarda l’export è in decisa espansione. Dopo Londra, Parigi e Zurigo, oltre a Giappone ed Emirati Arabi, l’azienda è approdata a New York subito con ottimi riscontri con gli ordini moltiplicatisi in pochi giorni. Il trasporto avviene via aerea che consente l’arrivo sugli scaffali della metropoli americana il giorno dopo la raccolta dei frutti, senza la necessità di conservarlo nelle celle frigo.

Ora la prossima sfida è sfondare anche con le angurie, il cui primo carico è già partito.