LIBRETTI, NUOVE STRATEGIE PER IL POMODORO E LANCIO DEL PEPERONE SWEET PALERMO

Per contrastare il nuovo patogeno del pomodoro, il “tomato brown”, il Gruppo Libretti con base a Scoglitti, frazione di Vittoria in provincia di Ragusa, da quest’anno ha deciso di ridurre i cicli della pianta. “Prima facevamo un unico trapianto per tutto l’anno – spiega Giuseppe Libretti (nella foto), general manager dell’azienda – di modo da garantire una produzione costante per 12 mesi. Invece, quest’anno abbiamo espiantato a marzo e ripiantato con la conseguenza che stiamo avendo, nella stagione estiva, circa il 50% in più di volumi di pomodoro”.

Dopo il boom di vendite (cosiddetto ‘effetto Covid’) che ha fatto registrare all’azienda un +44% nei primi cinque mesi di questo 2020, adesso, il mercato si è riallineato alle performance dell’anno scorso.

Pronti ad entrare nel Gruppo, entro i prossimi cinque mesi, una ventina di nuovi soci che porteranno all’azienda una dote di circa nuovi 70 ettari. Tra essi, anche 5-6 produttori di uva di Mazzarrone perché tra i progetti speciali dell’azienda, che ha raggiunto una massa critica importante che la colloca tra i player chiave della Sicilia, c’è quello di creare un paniere di beni , che porta il nome ‘eccellenze di Sicilia’, tra cui anche l’uva da tavola. “Una strategia – chiosa Libretti – per ottimizzare il rapporto con i canali di vendita della GDO e per non rallentare mai l’attività di commercializzazione, neanche in estate”.

In risposta al peperone Cornelio, tra l’altro, coltivato nella stessa provincia di Ragusa, Libretti lancia quest’anno il peperone ‘Sweet Palermo’ della Rijk Zwaan nelle varianti di colore rosso, giallo, marrone e verde.

Il gruppo Libretti Srl è nato come azienda agricola nel lontano 1950, in una cultura contadina che ha saputo nel tempo rinnovarsi rapidamente pur mantenendo vivo un modo autentico di fare agricoltura. Oggi l’azienda è arrivata alla terza generazione di conduzione familiare ed è pronta al passaggio con la quarta poiché stanno per subentrare i figli degli attuali conduttori, ossia di Giuseppe, general manager, e del cugino Giovanni, direttore della Logistica. Per celebrare questo importante passaggio di staffetta è stato lanciato un nuovo pay off per il marchio Libretti che è ‘Ieri, oggi e domani’.

L’azienda conta attualmente su 410 ettari di produzione sotto serra dove si coltivano tutte le varietà dei pomodori (60% della produzione) oltre che altri ortaggi tipici dell’isola (40%). Il 30% della produzione è destinata all’export, soprattutto nei mercati di Austria, Belgio, Svizzera e Olanda, mentre la maggior parte dei volumi prodotti dall’azienda è destinata alla GDO, per quanto riguarda le linee premium, e ai discount italiani per il prodotto convenzionale.

Mariangela Latella