CASO FILM COMMISSION, ARRESTATO ALBERTO DI RUBBA DI SIN (AGEA)

I tre commercialisti vicini alla Lega e coinvolti nell’inchiesta milanese relativa alla vicenda Lombardia Film commission e la compravendita a prezzo gonfiato di un immobile a Cormano nel Milanese da ieri pomeriggio sono agli arresti domiciliari.

Ad eseguire l’ordinanza di custodia cautelare che riguarda anche Fabio Giuseppe Barbarossa, sono stati i militari del nucleo di Polizia economico-finanziario della Guardia di Finanza. Ai tre professionisti, Arturo Maria Scillieri, Alberto Di Rubba e Andrea Manzoni, insieme a una quarta persona anch’essa ai domiciliari, ovvero Barbarossa, sono stati contestati a vario titolo i reati di peculato, turbata libertà nel procedimento di scelta del contraente e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Al settore agroalimentare interessa in particolare la figura di Alberto Di Rubba (nella foto), commercialista vicino a Matteo Salvini) che nel gennaio 2019 era stato scelto come presidente del consiglio d’amministrazione della Sin Spa (nomina da 30mila euro l’anno), società privata che fa capo al ministero dell’Agricoltura. Dicastero, quest’ultimo, guidato allora dal senatore leghista Gian Marco Centinaio.

Sin è l’acronimo di Sistema Informativo Nazionale per lo Sviluppo dell’Agricoltura. Il 51 per cento delle azioni di Sin è in mano ad Agea, l’Agenzia per le Erogazioni in agricoltura, ente statale che come noto ha tra le sue funzioni principali quella di erogare i fondi europei per l’agricoltura. Miliardi di euro pubblici che ogni anno vengono distribuiti a coltivatori e allevatori. In tutto questo Sin ha una funzione specifica: gestire il sistema informatico attraverso cui vengono distribuiti questi denari.