DREI: “L’ORTOFRUTTA È LA GRANDE DIMENTICATA DAL GOVERNO”

“L’ortofrutta emiliano-romagnola è la grande dimenticata dal Governo nazionale. Siamo l’unico settore penalizzato negli interventi di sostegno, non avendo beneficiato degli sgravi contributivi e fiscali concessi a seguito del lockdown. La deroga alla legge 102/2004 per consentire alle aziende agricole colpite dalle gelate di accedere al Fondo di Solidarietà è stata opportuna ma successivamente sono state stanziate risorse assolutamente insufficienti rispetto alla necessità stimata (meno del 3%). Senza dimenticare che i produttori pesantemente danneggiati dalla cimice asiatica nella campagna 2019 ancora non hanno potuto vedere un euro dei 90 milioni annunciati”.

Non risparmia critiche al Governo, condivise da più parti, Raffaele Drei (nella foto), vicepresidente di Confcooperative FedAgriPesca Emilia Romagna  (e presidente della cooperativa Agrintesa), che nei giorni scorsi in rappresentanza della cooperazione ortofrutticola ha partecipato all’incontro in Regione con l’assessore all’Agricoltura, Alessio Mammi, per fare il punto sulla difficile situazione delle pere colpite quest’anno anche dalla maculatura bruna.

“Le nostre imprese agricole e le strutture cooperative attendono un segnale forte da parte del Governo, che purtroppo non arriva – incalza Drei -. Dopo le gelate di fine marzo e inizio aprile il mondo agricolo ha interpellato i parlamentari romagnoli per fare pressing in Parlamento e ottenere risposte per un comparto, come quello ortofrutticolo, che rischia di ridimensionarsi ulteriormente. I problemi che vive la pericoltura sono solo la punta di un iceberg, molte altre nostre produzioni ortofrutticole sono in difficoltà e non resta molto tempo per intervenire”.