IL MEDITERRANEO CHIEDE UNA STRATEGIA PER LA SICUREZZA ALIMENTARE

Una strategia dell’Ue con l’Unione per il Mediterraneo (UpM) per la sicurezza alimentare e la transizione agroecologica nell’area. Sono i presidenti di Regione e sindaci del bacino a lanciare l’idea, mettendola nero su bianco in un rapporto all’esame dell’Assemblea regionale e locale euro-mediterranea (Arlem). Un primo dibattito tra i componenti dell’Arlem si è tenuto il 29 ottobre.

Il rapporto, firmato dalla vice-sindaca di Nizza Agnès Rampal, sarà adottato nei primi mesi del 2021. L’Arlem, forum politico che riunisce politici dell’Ue e dei Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, istituito nel 2010 dal Comitato europeo delle regioni, invita l’Unione europea e l’Unione per il Mediterraneo a sviluppare una strategia macroregionale per la sicurezza alimentare nel Mediterraneo, promuovere una transizione agroecologica verso pratiche che preservano il suolo e l’agro-biodiversità e considerare l’introduzione di un’etichetta “prodotto mediterraneo” o “di dieta mediterranea”. (Fonte Ansa)

 

Nella foto il segretario generale dell’UpM Fathallah Sijilmassi