CAMPANIA, GIOVANE IMPRENDITORE FA RINASCERE “CAPUANELLO”, IL MELONE DI NATALE

Il Natale si colora di buona frutta. La prelibatezza arriva dalla Campania, precisamente da Capua e prende il nome di “Capuanello”. Si tratta di un melone verde molto particolare, dedito ai giorni di festa. A raccontarci la speciale cultivar è Gaetano Bellofatto, giovane imprenditore agricolo partenopeo, titolare dell’azienda “Fatto di Natura”.

Gaetano Bellofatto

“Il melone Capuanello ha una storia che racconta di una lunga tradizione, era famoso in tutta la Campania dall’Ottocento fino alla metà del secolo scorso – racconta Bellofatto -. Era il melone di Natale, quello che si trova ancora oggi raffigurato nei presepi di San Gregorio Armeno. Le piantine recuperate sono state circa cinquanta e i frutti non sono stati commercializzati, ma utilizzati per aumentare il numero di coltivazioni. L’estate 2021 sarà l’anno della piena produzione e la maggior parte del prodotto verrà trasformato in marmellate e liquori così da poter mantenere anche i semi e aumentare ulteriormente la popolazione di questa cultivar resuscitata dal passato. Questa varietà ormai creduta persa a causa del suo essere troppo tardivo e dal subentro di nuovi ibridi è stata recuperata grazie alla ricerca molecolare condotta dal professor Augusto Parente e dalla biologa Laura De Simone”.

L’azienda Fatto di Natura ha a disposizione 5 ettari circa di proprietà di cui 2000 mq di serre a Capua. “Ho deciso di proseguire la tradizione ereditata da mio nonno, bonificando i terreni ormai diventati foreste – spiega Bellofatto -. Ho dato avvio a varie sperimentazioni mentre frequentavo la facoltà di agraria all’Università di Portici e nel dicembre 2017 ho costituito la società unipersonale Fatto di Natura Srls agricola di cui sono amministratore e socio unico. Il 90% della produzione è orticola e, da poco, stiamo incrementando la superficie destinata al grano perché ho avviato la prima produzione di pasta a Km0 sul territorio. La politica aziendale è prettamente rivolta alla vendita diretta ed alla tutela della ambiente cercando di ridurre il più possibile consumi idrici, CO2, e diserbanti. Utilizziamo le nostre api per impollinare il campo aperto e i bombi in serra. Il nostro packaging si sposa con la nostra idea di tutela ambientale e quindi abbiamo pensato al cassettino familiare per la vendita diretta che viene reso, evitando la plastica il più possibile. I nostri principali prodotti sono pomodori ciliegini, san marzano, tondo da insalata, datterino, pomodorino giallo, fagiolini, melenzane, peperoni, zucchini, peperoncino di fiume, cipolle, angurie, meloni, zucche, piselli, fave, verdura invernale, miele, grano, semola, pasta. Cerchiamo di mettere un po’ di tutto per soddisfare a pieno il cliente in modo diretto. Le politiche espansive aziendali sono legate anche all’esito della misura congiunta 412 e 611 del PSR Campania. Tra i tanti miglioramenti e ampliamenti di superficie di serre è anche previsto un e-commerce per la vendita diretta online con alla base uno studio logistico per garantire al consumatore diretto in tutta Italia – con piccola eccezione per le isole – un prodotto raccolto non più di 24 ore prima dalla consegna, in modo tale da garantirne tutte le proprietà nutritive e la freschezza”.

Maria Ida Settembrino