NUOVO MINISTRO AL MIPAAF, CAMPAGNA SOCIAL A FAVORE DI SIMONA CASELLI

La crisi di Governo innescata da Italia Viva di Matteo Renzi ha portato alle dimissioni della ministra Teresa Bellanova, lasciando il Mipaaf, ad interim, al presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

Si riaccende quindi il dibattito su chi potrà ricoprire la carica al dicastero romano di via XX settembre. A i primi nomi indicati (ri)appare quello di Simona Caselli (nella foto), presidente dell’Areflh, già assessore regionale all’Agricoltura dell’Emilia Romagna. Matteo Freddi, dell’omonima azienda emiliano romagnola specializzata nella distribuzione delle cipolle fresche, sui social al riguardo ha pure lanciato una “campagna”, con l’hashtag #simonacaselliministra. “Sarebbe la migliore figura possibile per una responsabilità tanto grande”, afferma Freddi. La sua proposta ha subito ricevuto sostegno, a partire dal direttore del Corriere Ortofrutticolo, Lorenzo Frassoldati che, in un commento al post di Freddi, afferma: “Aderisco in maniera totale a #simonacaselliministra. Già mi sono speso in prima persona come Corriere Ortofrutticolo quando si fece il governo giallorosso perché al ministero andasse una persona capace e competente come Simona (leggi news). Aderisco quindi a questa nuova campagna. Sarebbe un miracolo se questa volta funzionasse. Il PD si deve svegliare e spingere finalmente una donna che ha dimostrato di essere capace, competente e che conosce i dossier su cui lavorare. Avanti nella missione impossibile, sperando che anche il mondo dell’ortofrutta, per una volta, si schieri a favore”.

Anche Renzo Piraccini, presidente di Macfrut, sostiene la presidente di Areflh: “Non posso che essere d’accordo. Simona Caselli conosce il settore ed ha grandi qualità”, scrive su facebook rispondendo alla proposta di Freddi. Lo stesso dicasi per Alessandra Ravaioli, presidente dell’associazione Le Donne dell’ortofrutta: “Avere una persona come Simona Caselli alla guida del Ministero sarebbe una opportunità per l’agrialimentare italiano per la sua visione internazionale e capacità di ascolto”