RENETTA CANADA, MELA CONTRO-CORRENTE CHE QUANDO PIACE FA INNAMORARE: 3,8/5

Un giorno di una decina d’anni fa, Gerhard Dichgans, allora direttore generale di VOG, grande esperto di mercati e di varietà di mele, impegnato come pochi altri nello sviluppo colturale delle nuove varietà nel nostro Paese, alla continua ricerca della mela che potesse incontrare il gusto dei giovani, dei nuovi consumatori (per croccantezza, gusto, colore), esperto di livello internazionale ancora oggi riconosciuto come tale (è stato il coordinatore del recente Interpoma Congress 2020), a una domanda sulla Renetta rispose: “Che cos’è, una mela?”.
Era una battuta, certamente, ma non priva di fondamento, anzi. La Renetta, infatti, è una mela contro-corrente, sta all’opposto della mela che per anni Dichgans ha cercato (e trovato, visto che, per fare solo un esempio, è stato probabilmente l’uomo più ascoltato da Pink Lady in Italia). La Renetta, in particolare la Renetta Canada, oggetto del nostro assaggio odierno, non è croccante, ha un gusto poco percettibile, un colore spento. E’ tutt’altro che una nuova varietà: circola in Francia dal 1600 e si è sviluppata nelle valli del Trentino già a cavallo tra la fine del Settecento e i primi anni dell’Ottocento. Oggi, tuttavia, continua ad essere uno dei cavalli di battaglia del Consorzio Melinda, che ne promuove il consumo ma anche la produzione nelle Valli di Non e di Sole.
Melinda e VOG sono i due colossi della produzione di mele in Italia; e questa è un’altra ragione che può spiegare la battuta di Dichgans.
Detto che Renetta Canada è una varietà particolare, che può anche non piacere, gli vanno tuttavia riconosciute caratteristiche che possono fare innamorare l’appassionato di mele: l’aroma delicato anzi raffinato, il gusto con leggere note acidule bilanciate da note zuccherine; la polpa morbida; l’appena accennata faccetta rossa su una buccia prevalentemente giallo-verde. E’ ricca di antiossidanti, un vero toccasana per la salute. In cucina poi diventa una scelta da intenditori perché forse ancora imbattibile nella preparazione dello strudel e della torta di mele (non dimentichiamo che sono adatte anche la Golden e alcune nuove varietà come Envy e Yellow ma la vecchia Renetta Canada mantiene una marcia in più).
Abbiamo acquistato da Esselunga una confezione in cartone da 4 frutti, categoria 1.a, calibro 90/95, lavorata dal Consorzio Melinda a Contà, in Val di Non, al prezzo di 2,38 euro al chilo. Il panel di assaggio, costituito da 3 assaggiatori si è così espresso: 3,6; 3,8; 4. Nella nostra scala di valutazione da 1 a 5, il risultato finale è un importante 3,8.
Renetta Canada in questa campagna è un’ottima mela da intenditori e resta la regina in cucina. (a.f.)

 

LA VALUTAZIONE. Prodotti di scarsa qualità o di tracciabilità incerta non sono presi in considerazione. La valutazione da 1 a 5 ha il seguente significato: valutazione 1 significa che il prodotto è giudicato di qualità complessiva sufficiente; valutazione 2 qualità complessiva più che sufficiente; valutazione 3 qualità complessiva buona; valutazione 4 qualità complessiva ottima; valutazione 5 qualità complessiva eccellente. Per qualità complessiva si intende la somma dei fattori della qualità intrinseca (caratteristiche organolettiche, gusto, sapore, salubrità) e della qualità estrinseca (filiera garantita, imballaggio compostabile, chiarezza dell’etichetta, altro).