CILE, BUON ANNO PER L’EXPORT: CILIEGIE, UVA E MELE SUL PODIO DELLE VENDITE

Nonostante la pandemia e le quarantene, quello trascorso è stato un buon anno per le esportazioni di frutta cilena. ODEPA (Office of Agricultural Studies and Policies) ha riferito che le esportazioni hanno raggiunto i 3,31 milioni di tonnellate nel periodo gennaio-dicembre 2020, pari a 6.815 milioni di dollari.
Delle esportazioni totali, il 73% corrisponde a frutta fresca, il 19% a frutta lavorata (succhi, oli, in scatola, congelata, disidratata) e il 9% a frutta secca (noci, mandorle, nocciole,ecc.).
La frutta fresca ha raggiunto i 2,57 milioni di tonnellate, una cifra che ha prodotto 4.957 milioni di dollari lo scorso anno. Ciò nonostante, le esportazioni sono diminuite del 4% in volume e del 10% in valore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Ciliegie, uva e mele i prodotti più esportati: valore in calo

Per quanto riguarda i prodotti più consumati nell’anno, le ciliegie guidano la crescita dell’export con 232 mila tonnellate, pari a 1.453 milioni di dollari , valore in aumento del 5% in volume e in diminuzione dell’11% in valore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. I principali acquirenti di ciliegie sono stati la Cina, cheassorbe il 92% delle spedizioni. L’uva si è classificata al secondo posto con 604 mila tonnellate, equivalenti a 1.030 milioni di dollari, in calo del 7% in volume e del 18% in valore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, con spedizioni principalmente verso Stati Uniti e Cina (che rappresentano rispettivamente il 47% e il 15% del valore totale delle spedizioni di uva).
Le mele si posizionano al terzo posto con 660 mila tonnellate e un controvalore di 588 milioni di dollari , registrando una diminuzione del 2% in volume e del 5% in valore rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Colombia, Stati Uniti e Arabia Saudita (rispettivamente l’11%, il 10% e l’8% del valore totale delle spedizioni di mele) sono stati i paesi che hanno ricevuto la maggior parte deli pprodotti.
ODEPA precisa nel bollettino di gennaio 2021 che “queste tre specie, insieme ai mirtilli (quarta varietà esportata), avocado (quinta varietà esportata) e mandarini (sesta varietà esportata), rappresentano l’82% del valore totale della frutta fresca esportata nel periodo analizzato ”.
Secondo il documento, le noci hanno raggiunto vendite di 123.370 tonnellate, equivalenti a 588 milioni di dollari nel periodo gennaio-dicembre 2020. Rispetto allo stesso periodo del 2019, le cifre hanno registrato una diminuzione del 6% in volume e dell’1,1% in valore.
Tra i prodotti più esportati della categoria in termini di valore, primeggia la noce sgusciata, che ha registrato vendite per 29.800 tonnellate e 207,4 milioni di dollari, un valore che rappresentava il 35% degli acquisti totali di noci. Destinazione principali sono Germania (27%), Spagna (9%) e Italia (9%).
Per quanto riguarda la noce in guscio, ha registrato vendite per 65.700 tonnellate e 179 milioni di dollari , pari al 30% degli acquisti totali di noci. Le principali destinazioni sono India (17%), Turchia (18%) e Italia (11%).
Al terzo posto si posizionano le nocciole sgusciate, che registrano un fatturato di 17.300 tonnellate e 150,3 milioni di dollari, con spedizioni principalmente in Italia (92%).

(fonte: Ice)